Giomedia.it
CivilProtect2018
emergency live
Formazione EMO
Bollanti

vuoi qua la tua pubblicità?
  • Apre il meeting dell’Anpas a Bologna. Sabato l’assemblea e l’ambulanzata verso Mirandola. Arriva il Capo Dipartimento Franco Gabrielli

    BOLOGNA. È iniziato a Bologna, al Parco Nord, con l’arrivo del carro lettiga storico portato a mano dai volontari della pubblica assistenza Croce Verde Sestri Ponente il 14°meeting nazionale della solidarietà Anpas. Un percorso lungo più di 300 km attraverso la Liguria e l’Emilia per ingentilire i cuori e inaugurare l’inizio della tre giorni dei volontari Anpas in Emilia. A dare il benvenuto ai volontari Anpas, l’Assessore del Comune di Bologna Amelia Frascarola: “Parto dalla frase “si lavora qui per ingentilire i cuori” perché credo che sia il senso profondo di quella che è stata l’esperienza nel terremoto”. Il comune di Bologna è veramente orgoglioso di ospitare questo raduno nazionale. Il grande valore che le pubbliche assistenze portano avanti ci deve far riflettere”.
    E’ fondamentale tutelare i diritti dei cittadini ed è ruolo della politica trovare delle risorse e coinvolgere il volontariato -ha ricordato Fausto Casini, presidente Nazionale Anpas-. Siamo convinti che il volontariato debba essere un pilastro portante del welfare insieme alle istituzioni. Dobbiamo dare gambe alle parole in modo che la pubblica amministrazione inizi a lavorare insieme al volontariato”.
    Rinnovare la cultura di protezione civile e convivere con il rischio.
    Questo il tema al centro delle lezioni magistrali che saranno tenute dal capo Dipartimento di Protezione Civile Franco Gabrielli, il presidente della Regione Emilia Romagna Vasco Errani, esperti e studiosi di geologia come Gaetano Manfredi, Dario Albarello, Marco Mucciarelli. “Siamo convinti che l’energia sprigionata dai volontari subito dopo il terremoto debba essere utilizzata per far diventare questa energia positiva e per fare della prevenzione”, ricorda Fausto Casini. “Vogliamo lavorare con degli esperti che hanno scelto l’Anpas perché hanno visto il volontariato come tramite per arrivare cittadini e per farli diventare cittadini attivi”.
    Oggi pomeriggio a Bologna, presso l’Auditorium della Regione Emilia-Romagna, il convegno “Pubblico e privato: le responsabilità del welfare”: una occasione per riflettere sul rapporto tra Istituzioni pubbliche e soggetti privati nell’ambito del sistema di welfare. Partecipano Teresa Marzocchi (Assessore al Welfare Regione Emilia Romagna); Pietro Barbieri (portavoce Forum Terzo Settore), Gregorio Arena (Presidente LABSUS), Andrea Volterrani, sociologo Roma Tor Vergata, Maura Forni (coordinamento politiche sociali e socio educative Regione Emilia Romagna), Luca De Paoli (Portavoce Forum del Terzo Settore provincia di Bologna).
    Domani, sabato 25 maggio, presso l’Estragon (al Parco Nord) l’assemblea nazionale delle Pubbliche Assistenze con interventi di esperti e personalità del mondo della scienza e delle istituzioni per rinnovare la cultura del rischio sismico.
    Nel pomeriggio da Bologna partiranno 100 ambulanze, provenienti da tutta Italia, che toccheranno le città colpite dal sisma dove sono presenti le pubbliche assistenze Anpas. Altre colonne di mezzi partiranno dalle città del Veneto e Lombardia dove hanno operato i volontari Anpas nel corso dell’emergenza dello scorso anno. L’arrivo in piazza Costituente a Mirandola dove, dalle 17, Maino Benatti (sindaco di Mirandola), Luisa Turci (sindaco di Novi di Modena), Emilio Sabbatini (Presidente Provincia di Modena) e Paola Gazzolo (Assessore Regionale alla Protezione Civile) incontreranno i volontari intervenuti lo scorso anno. Ad animare la serata, la coppia di dj di Radio Bruno Enrico Gualdi e Sandro Damura.
    Domenica 26 maggio il grande corteo di divise arancioni per le vie di Bologna con la manifestazione nazionale dei volontari Anpas fino a Piazza Maggiore dove si concluderà il meeting con le autorità locali e il presidente di Anpas Nazionale, Fausto Casini, saluterà i volontari.


  • Gli ultimi sondaggi di Soccorritori.it

    Medico o Infermiere? (Voti: 26)

    1. Medico! (Voti: 13)

    2. Infermiere| (Voti: 13)

    l'eroina ritorna? (Voti: 17)

    1. non credo sia diffusa in zona (Voti: 4)

    2. pochi "tossici noti" sopravvissuti agli anni 80 (Voti: 3)

    3. pochi o tanti, di solito li gestisce il SERT (Voti: 0)

    4. alcuni episodi in zona (Voti: 0)

    5. credo ci sia un alto rischio (Voti: 10)

    come consideri il servizio emergenza (in generale) della tua zona? (Voti: 26)

    1. Il migliore possibile (tutti enti) (Voti: 2)

    2. Il migliore come 118, buono altri enti (VVF, PC, FFO) (Voti: 2)

    3. adeguato ma migliorabile (Voti: 15)

    4. sottodimensionato per enti NON 118 (Voti: 1)

    5. sottodimensionato 118 (Voti: 0)

    6. inadeguato (Voti: 6)

  • Social Network