Giomedia.it
CivilProtect2018
emergency live
Formazione EMO
Bollanti

vuoi qua la tua pubblicità?
Pagina 9 di 9 PrimaPrima ... 789
Risultati da 81 a 89 di 89

Discussione: Lombardia: Soccorso Alpino a pagamento per imperizia e negligenza

  1. #81
    Citazione Originariamente Scritto da Peppino321123 Visualizza Messaggio
    Esatto, ma in genere le condizioni previste contengono già un filtro discriminante. Difficile veder arrivare un MSA su un 95 in ACC...
    Ma stai scherzando spero. Tutti hanno il diritto di avere la stessa assistenza senza guardare all eta', il 95 ha lo stesso diritto del 35 ad avere un sanitario durante un ACC.

  2. # ADS
    Spot
    Data Registrazione
    da sempre
    Messaggi
    Molti
     

  3. #82
    Citazione Originariamente Scritto da soccorritorealpino Visualizza Messaggio
    però se succedesse qualcosa di "grosso" in contemporanea ad un viaggio dell'eli (per portare ombrelli ) e un giudice ci andasse poi a fondo, secondo me tutto non si risolve nel pagamento del ticket (se previsto) da parte dei merenderos
    Intanto bisogna vedere se e come l'elicottero viene inviato.
    In questo caso la richiesta esplicita degli ombrelli basta da sola a far capire all'operatore di centrale che non è il caso di far alzare nessun elicottero in volo.
    Si configura una situazione diversa nel caso in cui chi chiama sia in pericolo perchè non equipaggiato (ex. "stiamo morendo di freddo perchè siamo a 2000m con i bermuda e la canotta e nello zaino abbiamo solo le birre"), in questo caso l'elicottero sarà inviato e si procederà con l'avvio della procedura per il pagamento del soccorso (sempre a meno che il grado di ipotermia non sia tale da richiedere un accesso in ospedale, anche con codice verde, in quel caso non si avrà il pagamento anche se si tratta di una imprudenza bella e buona).
    Però non si avranno ripercussioni ulteriori se nel frattempo qualcun'altro aveva più bisogno di soccorso, purtroppo è una cosa che capita spesso, non solo con l'elicottero.

  4. #83
    Citazione Originariamente Scritto da 2EMME Visualizza Messaggio
    Intanto bisogna vedere se e come l'elicottero viene inviato.
    In questo caso la richiesta esplicita degli ombrelli basta da sola a far capire all'operatore di centrale che non è il caso di far alzare nessun elicottero in volo.
    Si configura una situazione diversa nel caso in cui chi chiama sia in pericolo perchè non equipaggiato (ex. "stiamo morendo di freddo perchè siamo a 2000m con i bermuda e la canotta e nello zaino abbiamo solo le birre"), in questo caso l'elicottero sarà inviato e si procederà con l'avvio della procedura per il pagamento del soccorso (sempre a meno che il grado di ipotermia non sia tale da richiedere un accesso in ospedale, anche con codice verde, in quel caso non si avrà il pagamento anche se si tratta di una imprudenza bella e buona).
    Però non si avranno ripercussioni ulteriori se nel frattempo qualcun'altro aveva più bisogno di soccorso, purtroppo è una cosa che capita spesso, non solo con l'elicottero.

    forse dall'articolo ho letto male, ma ho immaginato che se il socc. alp. parla di richieste di elicottero, la cosa non si sia fermata all'operatore di centrale operativa ma sia stata messa in moto veramente la macchina dei soccorsi, per poi rivelarsi una stupidata una volta giunti sul posto. altrimenti le richieste strampalate (e anche se non sono un operatore di c.o. immagino ne arrivino parecchie) non dovrebbero avere un seguito.
    se quindi è giusta la mia interpretazione, si profilerebbe una richiesta d'aiuto (es. "sto morendo di freddo, sono a 2.300m e abbiamo un bimbo piccolo aiutatemi" ) per la quale vengono gisutamente mobilitati uomini e mezzi adeguati, quando poi magari, giunti sul posto, si scopre che questi volevano solo un servizio a domicilio di ombrelli e vestiario (che, tra l'altro non penso siano in dotazione a soccorsi sanitari o tecnici). in questo caso non si tratterebbe di semplice imperizia ( ovviamente se è giusta la mia interpretazione)

  5. #84
    Citazione Originariamente Scritto da soccorritorealpino Visualizza Messaggio
    forse dall'articolo ho letto male, ma ho immaginato che se il socc. alp. parla di richieste di elicottero, la cosa non si sia fermata all'operatore di centrale operativa ma sia stata messa in moto veramente la macchina dei soccorsi, per poi rivelarsi una stupidata una volta giunti sul posto. altrimenti le richieste strampalate (e anche se non sono un operatore di c.o. immagino ne arrivino parecchie) non dovrebbero avere un seguito.
    se quindi è giusta la mia interpretazione, si profilerebbe una richiesta d'aiuto (es. "sto morendo di freddo, sono a 2.300m e abbiamo un bimbo piccolo aiutatemi" ) per la quale vengono gisutamente mobilitati uomini e mezzi adeguati, quando poi magari, giunti sul posto, si scopre che questi volevano solo un servizio a domicilio di ombrelli e vestiario (che, tra l'altro non penso siano in dotazione a soccorsi sanitari o tecnici). in questo caso non si tratterebbe di semplice imperizia ( ovviamente se è giusta la mia interpretazione)
    In effetti può anche essere, ma spero di no.

    Seconde me la cosa più plausibile è che l'operatore di centrale trattandosi di intervento in montagna abbia "passato" la telefonata al soccorso alpino, questi dopo una indagine telefonica più accurata hanno capito che si trattava di richieste che esulavano dal soccorso e non hanno realmente mandato un elicottero.
    Da come ho letto pare che tali chiamate siano state fatte ben prima di avere dei problemi reali dovuti al cattivo equipaggiamento, credendo forse che l'elicottero potesse rapidamente sopperire alle loro mancanze in quanto a preparazione e atrezzatura per andare in montagna.
    Di sicuro siamo davanti ad un problema serio e in crescita. Non si capisce che in montagna (e non chissà che, dai 1500 in poi) bisogna essere pronti ad affrontare i cambiamenti del clima e il terreno che si incontra.

  6. #85
    Che si veda un sacco di gente sprovveduta in giro lo posso confermare. Che si portino ombrelli agli sprovveduti, ...lo posso escludere.

  7. #86
    Citazione Originariamente Scritto da 2EMME Visualizza Messaggio
    Non si capisce che in montagna (e non chissà che, dai 1500 in poi) bisogna essere pronti ad affrontare i cambiamenti del clima e il terreno che si incontra.

    direi anche a quote più basse che 1500, specie quando il terreno è in piedi e/o il meteo fa i capricci

  8. #87
    L'invio dell'elicottero risponde a precisi protocolli di emergenza/urgenza. Gli operatori applicano un algoritmo. Se il caso ci ricade, l'elicottero parte, se no la richiesta di intervento va valutata altrimenti (quindi non è né il soccorso alpino né tantomeno l'utente che richedono l'eli, ma penso che questo sia risaputo). Il che significa, per il soccorso in montagna, comunque sentire il soccorso alpino cosa ne pensa, considerando il tipo di problema, tempisitche, difficoltà di accesso, localizzazione del richiedente, ecc, e concordare quindi (118+cnsas) una strategia di intervento.

    In pratica una squadra (anche solo di due soccorritori) può partire per esempio semplicemente perchè l'utente è rimasto per sentiero al buio e non vedendo un tubo non riesce più a tornare giù, oppure fare navetta avanti e indiatro coi fuoristrada su un percorso di per sé banale perchè nonostante le previsioni meteo un sacco di gente (leggi famiglie con bambini) si sono fatte "sorprendere" da una temporalata e stanno lì a battere i denti bagnati fradici (che non è esattamente come portare l'ombrello, però poco ci manca), e via di questa musica. Anche le richieste di intervento per "sfinimento" ricadono in questa casistica.
    Il senso di quanto comunicato dai colleghi altoatesini è che questo tipo di richieste sono in numero sempre più considerevole (e molto probabilmente continueranno ad aumentare, imho).

  9. #88
    Citazione Originariamente Scritto da Stravecchio De Vecchionis Visualizza Messaggio
    L'invio dell'elicottero risponde a precisi protocolli di emergenza/urgenza. Gli operatori applicano un algoritmo. Se il caso ci ricade, l'elicottero parte, se no la richiesta di intervento va valutata altrimenti (quindi non è né il soccorso alpino né tantomeno l'utente che richedono l'eli, ma penso che questo sia risaputo). Il che significa, per il soccorso in montagna, comunque sentire il soccorso alpino cosa ne pensa, considerando il tipo di problema, tempisitche, difficoltà di accesso, localizzazione del richiedente, ecc, e concordare quindi (118+cnsas) una strategia di intervento.

    In pratica una squadra (anche solo di due soccorritori) può partire per esempio semplicemente perchè l'utente è rimasto per sentiero al buio e non vedendo un tubo non riesce più a tornare giù, oppure fare navetta avanti e indiatro coi fuoristrada su un percorso di per sé banale perchè nonostante le previsioni meteo un sacco di gente (leggi famiglie con bambini) si sono fatte "sorprendere" da una temporalata e stanno lì a battere i denti bagnati fradici (che non è esattamente come portare l'ombrello, però poco ci manca), e via di questa musica. Anche le richieste di intervento per "sfinimento" ricadono in questa casistica.
    Il senso di quanto comunicato dai colleghi altoatesini è che questo tipo di richieste sono in numero sempre più considerevole (e molto probabilmente continueranno ad aumentare, imho).
    vero, però capita anche che al telefono si esageri e si porti l'operatore di c.o. a mobilitare uomini e mezzi ben superiori alle necessità in base alla richiesta di soccorso. era questo l'intento del mio intervento

    ad esempio una volta fummo chiamati a tarda primavera per "due persone bloccate nella neve" (col bel tempo) nei pressi di un passo appeninico; arrivati sul posto, e credendo di dover tirar fuori metalline, coperte, bevande calde ecc, scoprimmo che erano due morosini diciottenni andati in camporella, la cui auto era finita con le due ruote del lato dx della macchina in una cunetta innevata

  10. #89
    Le chiamate improprie sono croce comune di qualunque numero di chiamata, di qualsiasi cosa si occupi, non c'è niente da fare. Non saranno mai a zero.
    Piuttosto, il fatto che ultimamente si veda un andamento in netta crescita per quel che riguarda l'ambito montagna spero che questo determini anche un incremento delle azioni da parte dei soggetti interessati per cercare di mitigarne la crescita. Qualcosa si sta facendo, e anche bene, ma troppo di nicchia. Manca una strategia d'attacco ai grandi numeri, intesi come utenti potenziali.

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •