Giomedia.it
CivilProtect2018
emergency live
Formazione EMO
Bollanti

vuoi qua la tua pubblicità?
Pagina 1 di 9 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 89

Discussione: Lombardia: Soccorso Alpino a pagamento per imperizia e negligenza

  1. #1

    Lombardia: Soccorso Alpino a pagamento per imperizia e negligenza

    In Lombardia approvato il progetto che prevede, da parte del richiedente di soccorso in ambiente impervio o elisoccorso, il pagamento del servizio nel caso la chiamata sia immotivata o causata da negligenza o imperizia.

    http://www.montagna.tv/cms/72544/e-u...tra-pochi-mesi
    Chi soffre è una preda di tutti: di fronte a un sofferente tutti si sentono saggi. [F.N.]

  2. # ADS
    Spot
    Data Registrazione
    da sempre
    Messaggi
    Molti
     

  3. #2

    OLTRE 3000 MESSAGGI
    L'avatar di Giosuè
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Località
    Lago di Como
    Messaggi
    5.719
    ..se si cominciasse a usare l'elicottero quando serve davvero (non parlo di interventi montani..) si potrebbe evitare di fare certe leggi... io non son molto d'accordo...

  4. #3
    BEH io in anni passati ho incontrato gente con gli zoccoli di legno da mare sui ghiaioni del Gran Sasso, sul sentiero per il rifugio Franchetti... ma non è raro trovare gente con le scarpe da running.... Elicotteri ce n'erano di meno in giro, ma gli scarponi li vendevano già.
    http://www.soccorritori.it/image.php?type=sigpic&userid=1479&dateline=1366727  989

  5. #4

    OLTRE 3000 MESSAGGI
    L'avatar di Giosuè
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Località
    Lago di Como
    Messaggi
    5.719
    Trovi anche gente col 3.50 per mille nel sangue che decide di arrampicarsi su una pianta con l'auto..che differenza c'è..? Son d'accordo che molte persone vanno in montagna in modo sconsiderato..ma ci son molte altre cose che ugualmente non vanno...ma ci son interessi ben più grandi in ballo e non si fa nulla..vedasi l'esempio dell'alcool oppure il tanto "amato" fumo, ad esempio, con BPCO esacerbate che senti stridere ancora prima di suonare il campanello...

    Certo, da qualche parte bisogna cominciare, ma non mi sembra questo il modo.

    Una domanda..l'assicurazione CAI copre i costi d'intervento..?

  6. #5
    Le intenzioni sono condivisibili, lo strumento forse non è il migliore, ma da qualche parte si deve pur cominciare: ogni azione deterrente all'irresponsabilità (compresa quella degli ubriachi al volante) dovrebbe essere percepita positivamente.

  7. #6
    Argomento spinoso....
    Da Istruttore del CAI e Tecnico del CNSAS mi verrebbe da dire: era ora!
    Ma poi leggo il commento di Barbolini all'articolo postato (Barbolini, accademico del CAI, ex direttore della Scuola Nazionale d'Alpinismo e fortissimo alpinista, che conosco di persona) e dico: beh, però c'ha ragione pure lui...
    Quello che dice Maggiore è vero (in Apuane si vede anche di peggio!), ma non so se il deterrente (pagare) possa fare meglio (cioè indurre la gente a stare più attenta) o peggio (ossia non chiamo il soccorso, perchè altrimenti pago, e alla fine la gente ci rimette la pelle).
    Devo dire che l'articolo non parla solo di elicottero, ma di soccorso in genere e vi assicuro che operazioni di ricerca o di intervento notturno di terra di gente ne richiedono.

    Per rispondere a Giosuè alias Cat
    Una domanda..l'assicurazione CAI copre i costi d'intervento..?
    Sì, li copre.
    In Italia e nei paesi per cui vale il mutuo riconoscimento dei club alpini.
    " L’ esperienza è ciò che ottieni quando non sei riuscito a ottenere ciò che volevi "

  8. #7

    OLTRE 3000 MESSAGGI
    L'avatar di Giosuè
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Località
    Lago di Como
    Messaggi
    5.719
    Quindi basta essere tesserati CAI e, fatta la regola, trovato l'inganno..

  9. #8
    Ti assicuro che nel mio territorio il 90% dei soccorsi riguarda non iscritti al CAI.
    Forse anche il 95%.
    Forse al nord è diverso (o almeno spero).
    " L’ esperienza è ciò che ottieni quando non sei riuscito a ottenere ciò che volevi "

  10. #9

    OLTRE 3000 MESSAGGI
    L'avatar di Giosuè
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Località
    Lago di Como
    Messaggi
    5.719
    Qui ce ne sono un po'...peró basta che si diffonda la notizia e penso che in molti diventeranno soci CAI....

  11. #10
    Citazione Originariamente Scritto da Giosuè Visualizza Messaggio
    Trovi anche gente col 3.50 per mille nel sangue che decide di arrampicarsi su una pianta con l'auto..che differenza c'è..? Son d'accordo che molte persone vanno in montagna in modo sconsiderato..ma ci son molte altre cose che ugualmente non vanno...ma ci son interessi ben più grandi in ballo e non si fa nulla..vedasi l'esempio dell'alcool oppure il tanto "amato" fumo, ad esempio, con BPCO esacerbate che senti stridere ancora prima di suonare il campanello...
    Non puoi trovarmi più d'accordo.
    Ma in questo caso parlano di soccorso alpino, se ho ben capito, si tratta di far pagare solo chi a seguito dell'intervento, seppur in difficoltà, non necessiti di alcun trattamento sanitario o venga valutato come codice bianco oppure in caso di chiamata totalmente ingiustificata.
    Quindi se per negligenza mi sfracello da qualche parte, il soccorso sarebbe giustificato dalle necessità sanitarie e quindi non sarebbe a pagamento.
    Ma magari ho capito male io...

    Se dovessimo cominciare a valutare quali tipi di soccorsi (e cure) sanitari andrebbero fatti pagare all'utente perchè consapevolmente ha messo a rischio la sua salute la lista sarebbe enorme (e non se ne verrebbe mai a capo tra l'altro).

    In Valle d'Aosta sono sicuro che un sistema del genere è già in atto per l'elisoccorso, è a giudizio del personale tecnico intervenuto definire se la chiamata è ingiustificata e quindi si paga, tanto (mi sembra che venga tariffato con il costo al minuto dell'elicottero) oppure sempre a giudizio del personale se la situazione di pericolo è venuta a crearsi per negligenza o imperizia e anche qui si paga (mi sembra qualcosa in meno, ma non sono sicuro).
    E se non sbaglio anche il Trentino ha qualcosa di simile. Altre regioni non ne conosco.
    Chi soffre è una preda di tutti: di fronte a un sofferente tutti si sentono saggi. [F.N.]

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •