Giomedia.it
CivilProtect2018
emergency live
Formazione EMO
Bollanti

vuoi qua la tua pubblicità?
Pagina 15 di 15 PrimaPrima ... 5131415
Risultati da 141 a 147 di 147

Discussione: Caso Magherini: sotto processo i soccorsi

  1. #141

    OLTRE 3000 MESSAGGI
    L'avatar di Giosuè
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Località
    Lago di Como
    Messaggi
    5.743
    Si potevano riscontrare polso e respiro, ma nessuno li ha valutati. Salvo mettere un saturimetro che, tra l'altro, a detta della soccorritrice dava "zero". Direi che è un valore che dovrebbe far accendere qualche campanello d'allarme nella testa di un soccorritore, oltretutto in un paziente con una condizione che t'ha già fatto allarmare e ti ha fatto mettere un saturimetro al dito e ti ha spinto a valutare (...) il respiro. Campanello che può essere spento dopo aver avuto la conferma di un problema di ipoperfusione, di dita fredde...e che ci sia il polso valutandolo manualmente. Mi è stato insegnato, e così pure a te dato che sei pure tu lombardo, che la tesi più grave è quella giusta fino a prova del contrario. Quindi, se il saturimetro da un valore "basso", prima si pensa che sia una problematica reale, poi lo si esclude valutando il paziente.

    Un paziente, come dici tu, non valutato non si può definire incosciente. Ma, come fai ogni volta che presti servizio, la coscienza la valuti. E se ti sei avvicinato a tal punto da sentire aria calda uscire dalla bocca e mettere un saturimetro (tra l'altro toccando la mano e il dito del paziente, che immagino non avessero tono...) sei abbastanza vicino anche per chiedere "mi senti?". Hai ragionissima a dire "Un paziente silenzioso, flaccido e non responsivo non è detto che sia incosciente."...ma "Un paziente silenzioso, flaccido e non responsivo" è UN PAZIENTE DA VALUTARE.

    Non ho detto che bisogna chiamare il Col Moschin, ho detto che di fronte ad "un paziente silenzioso, flaccido e non responsivo" ammanettato e con sopra una mandria di carabinieri, la scena è sicura per il soccorritore laico così come lo è per il medico. Oppure, se si valuta non sicura, non lo è né per il medico, né per il laico. E nessuno dei due si avvicina fino a quando lo è. Ho soccorso da volontario un bel po' di pazienti violenti ed ho sedato qualche paziente (da sanitario) e non mi avvicinerei mai, tra l'altro con un ago in mano (ok, ora il MAD risolve parzialmente il problema), ad un paziente agitato a tal punto da essere considerato violento e pericoloso per un soccorritore laico. Un cazzotto preso da un laico è uguale a quello preso da un anestesista.


    Qui nessuno sta dicendo che il paziente non era pericoloso. Sto dicendo che un soccorritore si è avvicinato al paziente per fare certe manovre, quindi non l'ha ritenuto pericoloso a tal punto da impedirglielo. E, se s'è avvicinato così, allora poteva e doveva valutarlo. Tutto qui.
    Ultima modifica di Giosuè; 22-06-2016 alle 15:45

  2. # ADS
    Spot
    Data Registrazione
    da sempre
    Località
    Italia
    Messaggi
    Molti
     

  3. #142
    Con i migliori auguri

    https://www.ilfattoquotidiano.it/201...lposo/4767352/

    Trovo molto simpatico il fatto che, sul forum, abbiamo ricostruito meglio le responsabilità...o meglio, prima della magistratura.
    Ultima modifica di Rez; 16-11-2018 alle 10:08
    Kansas sign: Asystole. Cuz it's flat, like Kansas

  4. #143
    "I carabinieri non avevano elementi per capire quello che stava accadendo a Magherini a causa dello stupefacente...."
    Sembra una barzelletta, ma se davvero si deve prendere la cosa sul serio, allora la sentenza sancisce anche un limite inaccettabile per operatori di pubblica sicurezza, ovvero degli enti per cui lavorano.
    Sono stupefatto. Ho sempre pensato che un agente di PS dovesse avere una formazione di BLS, non fosse altro che, una persona in sua custodia è per ogni aspetto sotto la sua responsabilità. Ma come si può accettare che agente di PS ignorari i rischi connessi all'uso della forza, soprattutto nei confronti di persone che si trovano sotto l'effetto di sostanze psicotrope? E come si fa, una volta ammanettato il soggetto, a disinteressarsi del suo stato da non accertarsi nemmeno se respira? uno non perde conoscenza in un quarto d'ora.
    Chi può esercitare un potere coercitivo con la forza non può non avere una formazione riguardo le conseguenze che l'esercizio di tale potere comporta.
    Deve avere le conoscenze e saper padroneggiare le tecniche che gli permettono di rilevare uno stato acuto di sofferenza fisica e sapere anche agire in conseguenza.
    E' inaccettabile che in intervento di pubblica sicurezza finisca in quel modo per quel tipo di ignoranza.

  5. #144

    OLTRE 3000 MESSAGGI
    L'avatar di Giosuè
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Località
    Lago di Como
    Messaggi
    5.743
    Citazione Originariamente Scritto da Grasso_Malghese Visualizza Messaggio
    "I carabinieri non avevano elementi per capire quello che stava accadendo a Magherini a causa dello stupefacente...."
    ...
    Citazione Originariamente Scritto da Grasso_Malghese Visualizza Messaggio
    Sono stupefatto.



    Comunque concordo più o meno con te. Cioè, trovo che chiunque compia un'azione debba essere in grado di capire quello che la sua azione causa e quindi se continuarla/interromperla..e come agire in caso la sua azione comporti un cambio di situazione.

    Però beh, se in posto c'erano dei soccorritori, trovo assurdo che costoro abbiano detto/fatto nulla, oltretutto viste anche le interviste e i documenti giudiziari usciti..

  6. #145
    Bah, a me sembra che i CC si siano accorti della situazione, infatti hanno chiamato il 118.
    Quello che ha causato la morte di Magherini è stata la posizione prona, obbligatoria in caso di arresti, visto che è l'unica che non permette il movimento (e l'eventuale fuga...ricordiamoci che un CC è stato ferito da un colpo tirato con le manette). E non è una posiziome modificabile a piacere...

    Calcolate poi che il cocaetilene (alcol + cocaina) rende il soggetto altamente fragile sia dal punto di vista epatico che cardiaco (il cocaetilene aumenta il rischio cardiovascolare fino a 15-20 volte, rispetto alla cocaina da sola). Oltre ad aumentare la durata dello stato eccitatorio (da una media di 40 minuti, per la coca da sola, a 8-10 ore del cocaetilene) e causare un tipico "effetto onda" degli effetti (che aumentano e si attenuano senza un pattern specifico). Era un paziente che rischiava la vita anche solo a darli del midazolam.
    Inoltre, facendo le pigne in culo, il paziente aveva principalmente l'agitazione psicomotoria come sintomo principale (insieme alla paranoia). Ciò può tranquillamente, nel momento, far pensare piu ad una problematica psichiatrica che ad un delirio eccitato da cocaetilene. Il che, ovviamente, porta ad agire in maniera diversa.
    Anche se fosse intervenuto un sanitario col MAD, si sarebbe dovuto atterrare il paziente. Che, credo, avrebbe rischiato di rimanerci ugualmente (con il rischio più che alto di ESA dato dall'aumento della PIC).

    P.S.
    La stessa identica posizione (fatta a 3 o a 5) viene insegnata nei reparti di psichiatria, in caso di delirio violento...se possibile.
    Ultima modifica di Rez; 19-11-2018 alle 11:56
    Kansas sign: Asystole. Cuz it's flat, like Kansas

  7. #146
    Rez, non è mia intenzione attribuire colpe.
    Sono anch'io convinto che chi è intervenuto abbia agito conformemente a quanto previsto nei propri protocolli.
    Tuttavia una persona è deceduta; è necessario chiedersi se era evitabile e se, come credo, la risposta è sì, allora bisogna chiedersi cosa ha impedito di evitarlo.
    Questo ci porta ad analizzare le procedure, gli strumenti e il livello di addestramento del personale.
    Un uso, per quanto proporzionale, della forza può avere sempre conseguenze che vanno oltre le intenzioni di chi lo esercita. Mi rendo conto che se prima "je meni" non è poi così facile cambiare atteggiamento e ruolo; ma se hai quel tipo di potere e di autorità dovresti essere pronto a farlo. Fatti i debiti distinguo sul contesto, anche il caso Cucchi presenta alcune anolgie che inducono a guardare al sistema, sulla sua reale capacità di gestire quel tipo di situazioni.

  8. #147
    Concordo con te, ovviamente, che il caso non debba finire nel dimenticatoio, ma anzi, venir "sfruttato" per le situazioni future.
    Non concordo con la semplicità con cui si possa affermare che i CC presenti avrebbero dovuto capire le condizioni di salute di Magherini.
    Lasciando stare il fatto che non si tratta del loro compito primario (hanno chiamato un'ambulanza apposta), basta fare una ricerca su Google dei sintomi che presentava Magherini per vedere decine di patologie diverse.

    Io trovo che i CC, nonostante la probabile foga/incazzatura del momento, abbiano capito che il paziente non era gestibile da loro e si sono affidati al 118; cosa che avrebbero dovuto fare comunque, anche se si fossero accorti delle condizioni precarie di Magherini.
    Ultima modifica di Rez; 03-12-2018 alle 09:47
    Kansas sign: Asystole. Cuz it's flat, like Kansas

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •