Giomedia.it
CivilProtect2018
emergency live
Formazione EMO
Bollanti

vuoi qua la tua pubblicità?
Pagina 2 di 7 PrimaPrima 1234 ... UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 68

Discussione: "Salvare le vite"

  1. #11
    Volete sapere chi veramente salva la vita a qualcuno?

    il cittadino laico che si mette a rianimare come cristo comanda un tizio sconosciuto che gli si è arrestato davanti al naso
    questa persona (nel momento in cui poi il sistema funziona bene, ovvero, arriva un ambulanza ed un MSA in breve tempo) è una delle poche occasioni nelle quali una persona può salvare la vita di qualcuno perchè evitano che il cervello si frigga..

    Sono pochi gli ACC che ho visto andar bene nella mia carriera professionale, ma a parte quelli che hanno avuto un culo atomico (arrestarsi con l'equipaggio davanti oppure in ospedale) la maggioranza degli altri hanno subito un RCP precoce..

    Tutto il resto non è "salvare le vite" ma un trattare al meglio una determinata condizione fisica del paziente che altrimenti senza questo trattamento (corretto e precoce) potrebbe evolvere in una condizione di aggravamento irreversibile

  2. # ADS
    Spot
    Data Registrazione
    da sempre
    Messaggi
    Molti
     

  3. #12
    il problema sta nella società stessa che ci ha reso "schiavi" del senso dell'apparire in ogni cosa purtroppo io ad esempio da qualche anno frequento lo stadio ed anche li è la stessa cosa sono tutti li presi a farsi foto a fare foto e a vestirsi il piu da "utras" possibile è una questione di mentalità o cell'hai o non cell'hai io ad esempio se sono al bar che faccio colazione prima del lavoro o dopo o comunque tra un turno e l'altro e mi capita di essere ancora vestito da lavoro la gente mi dice certo che ci vuole un fegato ed un coraggio a fare il vostro lavoro... e io gli dico no ma io non faccio 118 sto nei traporti di persone che hanno comunque bisogno mentre invece vedo gente che fa il mio stesso lavoro con patch con scritto 118 soccorso sanitario etc mitomania allo stato puro
    medico,infermiere,soccorritore,laico o quello che volete l'importante è voler far del bene agli altri sempre sapendo riconoscere I PROPRI LIMITI per non andare a creare situazioni come quelle del bimbo in metro qui a Roma...
    perduto è il tempo che in amor non spendi...

  4. #13
    discorso spinoso.
    - da un lato ci sono associazioni che, per vari motivi, hanno bisogno di apparire e ripetere continuamente che "ci sono".
    - poi ci sono gli esaltati/rambo etc... che vogliono apparire ed essere ringraziati/riconosciuti personalmente (e non come associazione).
    - poi ci sono le persone che, credendo di fare "bene" si aggregano ai due casi sopra.

    Personalmente ho foto in divisa su FB, sul cellulare, ogni tanto ci sta il post "sono in turno presso postazione XXX"... ma mi rifiuto di usare frasi tipo "sempre operativi", "pronti a salvare vite" etc... o partecipare a campagne pubblicitarie di questo genere. Io sono un ingranaggio di un sistema che deve funzionare anche senza di me (perché magari per mesi ho di meglio da fare)

    Perché io sono convinto che nessuno di noi, né il passante né il dottor House possa salvare una sola, singola vita nel corso della sua carriera. Il massimo che possiamo fare è cercare di ridurre i danni e lo stress per l'organismo, che si riprenderà. Quindi al massimo "spostiamo di un po'" la morte o i danni irreparabili.
    Soccorritore Volontario
    La stima che un ente riceve è pari alla peggiore immagine che riesce a trasmettere

  5. #14

    OLTRE 3000 MESSAGGI
    L'avatar di SmnCRI
    Data Registrazione
    Oct 2005
    Località
    Torino provincia
    Messaggi
    3.608
    Il fatto è che questo "virtuale" è un ambiente di nicchia, fatta di persone per bene.
    Fuori è pieno di imbecilli esaltati e, spesso, incapaci.

  6. #15
    Citazione Originariamente Scritto da SmnCRI Visualizza Messaggio
    Il fatto è che questo "virtuale" è un ambiente di nicchia, fatta di persone per bene.
    Fuori è pieno di imbecilli esaltati e, spesso, incapaci.
    Io spero, ma probabilmente mi illudo, che questa nicchia sia più grande di quanto si pensi.
    Il vero problema degli esaltati imbecilli è che sanno mettersi in mostra proprio bene, cosa che le persone per bene non fanno, giustamente.
    Risultato? L'immagine che diamo da "fuori" è la peggiore possibile.
    Io continuo a ripetermi che questa immagine non rispecchia la realtà. Me lo ripeto così tanto che adesso quasi ci credo, ma come già detto, forse mi illudo solamente.

  7. #16

    OLTRE 200 MESSAGGI
    L'avatar di Alessandro118
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Località
    Pescara (PE) Abruzzo o,detto da noi,Abbruzzo
    Messaggi
    266
    Ragazzi....sono pienamente d'accordo con tutti voi...concordo con ogni singolo post, avete proprio ragione.

    Anche io che sono entrato da poco in associazione e ho fatto solo due turni su secondari, non riesco a sopportare queste persone che fanno dell'esibizionismo il loro stile di vita...
    Tutto ciò ve lo dice uno studente di 16 anni che come la maggior parte di voi, sente il bisogno di dedicare del tempo agli altri per essere felice di aver fatto qualcosa di buono...
    Anche vedere persone che subito dopo il corso, per rendersi "visibili", danno la disponibilità per concerti o manifestazioni dove da un momento all'altro può succedere di tutto e decidono di mettere a rischio la loro pelle anche se non sono ancora pronti ad affrontare tutto ciò mi da molto, molto fastidio.

    Concludo citando una frase di un autista della mia associazione: "Sono fondamentali due cose per effettuare al meglio un buon soccorso: DIGNITA' e UMILTA', non dimenticatelo mai...fatene la vostra ragione di vita all'interno di questa associazione"
    Soccorritore Volontario - Regione Abruzzo
    "Un giorno senza rischio è non vissuto"

  8. #17
    Sapete quale e' il problema di molti volontari? Che guardano programmi tipo Chicago Fire, ER ecc. Pensando che ogni giorno chi FA soccorso salva vite e cerca di immedesimarsi con quei personaggi. Ebbene il soccorso vero e' molto diverso dai telefilm ecc, c'e' Ben oltre Nel soccorso e specialmente non bisogna essere eroi o cercare di apparire a tutti I costi facendo poi stupidaggini. Mi viene da ridere quando vedo volontari con mega cinturoni con attaccato di tutto e un fonendo Al collo che a chi non e' un sanitario non serve a nulla (il tutto per farsi notare).

  9. #18
    Il fonendo al collo, imho, non serve ad una ceppa neanche al sanitario. In reparto lo tengo sempre e solo in tasca, ambulanza idem.
    Solo a me da fastidio avere una roba che mi penzola addosso?
    Kansas sign: Asystole. Cuz it's flat, like Kansas

  10. #19
    Pure io lo tengo in tasca, non mi piace Al collo. Pero a me in fin dei conti serve..

  11. #20
    Citazione Originariamente Scritto da mad doctor Visualizza Messaggio
    Sapete quale e' il problema di molti volontari? Che guardano programmi tipo Chicago Fire, ER ecc. Pensando che ogni giorno chi FA soccorso salva vite e cerca di immedesimarsi con quei personaggi. Ebbene il soccorso vero e' molto diverso dai telefilm ecc, c'e' Ben oltre Nel soccorso e specialmente non bisogna essere eroi o cercare di apparire a tutti I costi facendo poi stupidaggini. Mi viene da ridere quando vedo volontari con mega cinturoni con attaccato di tutto e un fonendo Al collo che a chi non e' un sanitario non serve a nulla (il tutto per farsi notare).
    Il problema è che la pubblicità / informazione è tutta incentrata sul "salvare vite". Vedi anche per i donatori sangue/organi, per l'adesione all'associazione etc... Che, in senso lato, potrebbe essere anche vero, dipende cosa si intende per "salvare vite".
    Io personalmente posso anche accettare il volontario con il megacinturone, con torce, robin, guanti, 2 cellulari, radio e fonendo al collo perché attribuisco questo comportamento ad una certa "ignoranza" o poca formazione. E quindi capisco che magari uno dica "mi serve la torcia" (ma in ambulanza ci sono) oppure "mi serve quest'altra cosa". Sono, a mio modesto parere, piccoli appigli di sicurezza per il volontario. Un modo per sentirsi più sicuro.

    Accetto molto meno (e ne vedo sempre di più) quando è l'infermiere o il medico a portarsi da casa uno zaino da 3-4 kg con garze/disinfettanti/aghi etc.... tutta roba che dovresti già avere a bordo e che la tua formazione dovrebbe farti capire che è importante ma non sono i 10 secondi che impieghi a prendere la garza dallo zaino piuttosto che dal tuo marsupio a fare la differenza.
    Anzi, credo che siano proprio i medici e infermieri che si portano torce, block notes, scatole di guanti, robaccia varia a stimolare l'idea che "quel che c'è non basta". Io mi vergognerei ad avere uno zaino/marsupio personale che mi ostacola nei movimenti...
    Soccorritore Volontario
    La stima che un ente riceve è pari alla peggiore immagine che riesce a trasmettere

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •