Giomedia.it
CivilProtect2018
emergency live
Formazione EMO
Bollanti

vuoi qua la tua pubblicità?
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 17

Discussione: Corso di Cultura Aeronautica applicata all'Elisoccorso e all'Elicooperazione - 2015

  1. #1

    Corso di Cultura Aeronautica applicata all'Elisoccorso e all'Elicooperazione - 2015

    CORSO DI CULTURA AERONAUTICA APPLICATA ALL'ELISOCCORSO E ALL'ELICOOPERAZIONE ANNO 2015
    SABATO 5 e DOMENICA 6 SETTEMBRE 2015 - Per informazioni visita il nostro sito www.alidorohems.it , menu "Documenti"
    Oppure contattaci: info@alidorohems.it
    CORRI AD ISCRIVERTI.. NON PERDERE TEMPO!!!!!
    Immagini Allegate Immagini Allegate

  2. # ADS
    Spot
    Data Registrazione
    da sempre
    Località
    Italia
    Messaggi
    Molti
     

  3. #2
    Questi thread tornano ciclicamente?
    Kansas sign: Asystole. Cuz it's flat, like Kansas

  4. #3

    Thumbs up Corso di Cultura Aeronautica applicata all'Elisoccorso e all'Elicooperazione 2015

    Ciclicamente?!?!Si ogni anno organizziamo questo evento/corso, purtroppo in Italia manca questo tipo di formazione, noi diamo la possibilità, a chi è interessato e vuole approfondire l'argomento, di formarsi.

  5. #4
    Veramente solo in Italia vengono fatti questi corsi purtroppo che non sono nemmeno riconosciuti. All estero viene fatto dalla societa' che gestisce l elisoccorso al personale dipendente del servizio ambulanza e riconosciuto dall ente areronautico nazionale.

  6. #5
    Per la cronaca, i corsi dovrebbero essere fatti dall'azienda che vince l'appalto dell'elisoccorso,Anche qui in Italia, ma siccome è un costo, viene lasciato in disparte, con conseguenze sugli scenari di emergenza, tipo l'elicottero che vola per svariati minuti perché non trova il posto, oppure perché nessuno ha predisposto una piazzola di atterraggio fuori campo.... Ecc... , quindi noi di Ali d'Oro che già da ben 17 anni facciamo questo, offriamo la possibilità di aumentare la formazione dei soccorritori in questi scenari e essere pronti per assicurare la sicurezza a terra prima dell'arrivo dell'elisoccorso.

  7. #6
    I piloti non si fidano del personale di terra che non conoscano e questi corsi non sono certificati ENAC e quindi non hanno nessun valore.

  8. #7
    Ringrazio per la tua opinione, confermo che i corsi che vengono fatti su tutto il territorio italiano, non hanno certificazione, infatti noi di ali d'oro, lasciamo solo un attestato di frequenza.Per il discorso del fidarsi, ogni pilota in comando può decidere come meglio crede, per portare a termine la missione, di fidarsi o no delle persone che stanno a terra, fatto sta che il corso che facciamo è tenuto da piloti esperti, che sanno cosa insegnare al personale a terra, quindi in tutta sicurezza, negli anni abbiamo avuto feedback positivi riguardo al nostro insegnato.

  9. #8

    OLTRE 3000 MESSAGGI
    L'avatar di Giosuè
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Località
    Lago di Como
    Messaggi
    5.741
    Parlo in generale, non conoscendo nel dettaglio questi corsi di Alidoro. Li ritengo certamente utili a livello personale, ma purtroppo poco utili (salvo ciò che riguarda la sicurezza personale in caso di intervento congiunto con l'elicottero) per quanto riguarda il "mettere in pratica" ció che si impara, visto che non si è riconosciutinè dalla propria associazione/corpo nè dal servizio elisoccorso.
    Concordo con chi dice che dovrebbe esserci una giornata (anche solo teoria e "pratica" ad elicottero fermo) di "avvicinamento all'elicottero" durante il corso, ma concordo anche con chi dice che già 120 ore sono poche per gli argomenti attuali, figurarsi se si aggiungono altri. Io ho fatto una giornata con la Rega ed è stato utilissimo, sia appunto per quanto riguarda la mia sicurezza personale, sia per quello che riguarda la cooperazione durante interventi in cui sono attivati ambulanza ed elicottero.

    Il fatto che siano a pagamento (penso..e nemmeno poco cari, immagino) sicuramente rende questi corsi meno appetibili a molti soccorritori (a differenza, ad esempio, della giornata hems in centro italia di poche settimane fa), ma sicuramente male non fanno, anzi, soprattutto per ciò che concerne la sicurezza personale. Poi dire "spenderei tot euro per fare questi corsi" è un'altra cosa, anche calcolando la situazione economica attuale..
    Ultima modifica di Giosuè; 24-07-2015 alle 18:15

  10. #9
    Grazie per il suo intervento Giosuè, Le rispondo brevemente:
    Riguardo al costo del corso, noi offriamo la possibilità di eseguire un volo di ambientamento con elicottero, purtroppo con spese elevate.Essendo una ONLUS, non guadagnamo su quello che facciamo, ma i costi di gestione di un corso a livello nazionale, con docenti esperti, medici infermieri e piloti, sala riunioni, servizi vari, non sono pochi.
    Per quello che riguarda il mettere in pratica, tanti nostri partecipanti mettono in opera tutto quello che spieghiamo, con feedback positivi. Il mettere in pratica non deve dipendere dalle associazioni o dal servizio di elisoccorso, ma dalla buona volonta di ogni soccorritore nell'adempiere il proprio dovere nel miglior modo, in questo caso, aiutare l'equipaggio di condotta di un'elisoccorso a trovare subito il target e preparare una zona di atterraggio sicura.Per i dettagli del nostro corso, può visitare il nostro sito www.alidorohems.it, menu "documenti" o megli ancora partecipare!!!! Posso comunque dire, che rispetto ad altri corsi i nostri costi sono contenuti.

  11. #10
    La formazione alla collaborazione con l'elicottero è utile. Aggiungo che dovrebbe essere istituzionalizzata da parte della struttura che si avvale delle organizzazioni del soccorso sul territorio. In altre parole dovrebbe essere il 118 a pretendere quel tipo di formazione.

    Stiamo comunque parlando di qualcosa che nulla ha a che vedere con la formazione di membri di equipaggio HEMS, la quale deve essere fatta a d opera degli operatori che accettano tali figure a bordo dei propri elicotteri.

    Sotto questo punto di vista il volo sull'elicottero è del tutto ininfluente a formare il volontario. Anche perché, di tutti quelli che salgono a bordo, soltanto quello che siede a fianco del pilota può avee un'idea di quale possa essere il punto di vista di chi vola. È ininfluente perché il volo è troppo breve e non può mostrare nemmeno una minima parte di un campione di situazioni tipiche.

    Quindi va bene che si parli di cultura aeronautica, magari approfondendo maggiormente certi argomenti, purché si rimanga coi piedi per terra.
    Diversamente si creano aspettative e che poi vengono deluse quando il pilota di turno, nonostante la buona volontà e abnegazione del personale di terra, prende una decisione contraria alle sue attese.

    Decisione presa non perché non ci si fidi, ma perché il pilota si può fidare soltanto quado i propri occhi, dopo la ricognizione, confermano le informazioni ricevute. Diversamente è obbligato a fare scelte diverse.
    Ultima modifica di Grasso_Malghese; 25-07-2015 alle 18:57

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •