Giomedia.it
CivilProtect2018
emergency live
Formazione EMO
Bollanti

vuoi qua la tua pubblicità?
Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 11 a 17 di 17

Discussione: Corso di Cultura Aeronautica applicata all'Elisoccorso e all'Elicooperazione - 2015

  1. #11

    OLTRE 3000 MESSAGGI
    L'avatar di Giosuè
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Località
    Lago di Como
    Messaggi
    5.719
    Ti diró, da soccorritore è utile formare i "soccorritori di terra" circa i due modelli (almeno, per quanto riguarda la Lombardia) in servizio, il AW139 e il EC145 in particolare per ciò che concerne l'attenzione da prestare ai due rotori dell'elicottero, le varie altezze di quello principale e di quello di coda, lo spostamento d'aria sia durante le manovre col verricello, sia durante hovering e atterraggio/decollo, l'importanza di evitare oggetti svolazzanti, di proteggere al meglio il paziente, le misure necessarie all'elicottero per atterrare, la superficie del rotore principale e poco altro...
    ..poi beh, non penso serva qui in Italia perché non penso di "calcolerebbe" il pilota, ma ad esempio con la Rega abbiamo fatto anche la formazione su come essere i punti di riferimento per l'elicottero in fase di atterraggio su terreni senza altri punti di riferimento, ad esempio neve..ed è stato molto interessante perché rende parecchio l'idea vedere il 109 Da Vinci che ti atterra con il muso a pochi centimetri dalla mano..e perché comunque capisci l'importanza di certe manovre da fare o da NON FARE..il tutto spiegato dal pilota e poi messo in pratica con qualche volo di prova (pilota a bordo e "allievi" a terra a fare le varie manovre)...


    Spiegare altre cose non so fino a che punto possa servire..cosi come il volo di prova. Ok, è fighissimo..peró alla fin fine di formativo ha poco.

  2. # ADS
    Spot
    Data Registrazione
    da sempre
    Località
    Italia
    Messaggi
    Molti
     

  3. #12
    Il suo punto di vista su chi deve, o dovrebbe fare formazione è corretto,per quanto riguarda il volo,quello che noi presentiamo durante il corso, è un volo di ambientamento, non di addestramento,il volo serve solo a chi non ha mai volato di volare,per chi lo ha già fatto è un modo di ripetere l'esperienza.Per quello che riguarda gli operatori HEMS a bordo dell'elicottero, a mio avviso, dovrebbero essere formate persone al di fuori delle aziende che vincono le gare di appalto,io preferirei una scuola esterna con tanto di certificazione ENAC, ma con ce costi?!??!!Siamo in Italia, per esperienza da pilota, posso garantire che alcuni operatori HEMS che volano, non hanno la più pallida idea del perché la propria azienda li hanno sbattuti a bordo dell'elicottero a fare un impiego che neanche vogliono.. Risposta.. Problema di soldi.Purtroppo!

  4. #13
    In Italia, stante la composizione dell'equipaggio di missione (medico, infermiere e, in certi casi, TE), i membri di equipaggio HEMS sono figure che si devono interfacciare col pilota prevalentemente per cooperare riguardo problemi di natura aeronautica. Questo implica che debbano conoscere bene il contenuto dei manuali operativi dell'operatore che lo impiega a bordo dei propri elicotteri.

    Per questo motivo, anche se un HCM (HEMS Crew Member) ha maturato altre esperienze, esso deve essere formato nell'ambito della compagnia che ha in affidamento il servizio HEMS. Da pilota ti posso assicurare che non accetterei a bordo uno, che sotto il profilo della formazione, è sconosciuto alla mia organizzazione.

    Io non so a quali compagnie tu ti riferisca, ma, per quanto riguarda la mia, ti posso assicurare che la formazione è fatta eccome e che nessuno sta sull'elicottero perché c'è lo hanno sbattuto. Aggiungo che per gli HCM dipendenti della compagnia (i tecnici HHO e/o HCM) sono impartiti anche i corsi di CRM/HF; corsi che si potrebbero fare anche per il personale sanitario di bordo delle committenti, che ne avrebbe taaaaaanto bisogno, se soltanto le committenti lo volessero.

  5. #14
    È corretto quello che dici, ma a mio parere dovrebbero essere fatte delle scuole dove queste figure possano essere preparate e in un secondo momento una volta assunte, devono eseguire all'interno delle proprie aziende ulteriore formazione periodica sopratutto sui manuali operativi. Questo è il mio punto di vista.Per quello che riguarda il corso ai sanitari a bordo sono pienamente d'accordo. Onestamente però questo discorso sta dilagando in altri ambiti, che possono essere capiti da personale come me e lei, ma non da soccorritori che purtroppo non ricevono formazione adeguata sugli interventi congiunti ambulanza elicottero.Noi cerchiamo nel miglio modo possibile di dargli questa preparazione.I. Risposta al discorso Rega, anche noi di Ali d'Oro siamo stati ospiti presso una delle loro basi,e anche durante i nostri corsi, è stato presente un loro docente, questo indica degli standard di preparazione dei nostri docenti direi buono!!!Non nego che bisognerebbe eseguire degli addestramenti al personale atterra sulle manovre di avvicinamento e altro,ma purtroppo i costi sarebbero molto alti, non credete,poi di questo periodo..per lo meno durante il nostro volo di "piacere", chi sta a terra,esegue le manovre di avvicinamento, con un nostro istruttore,mentre c'è il cambio gruppo,quindi hanno la possibilità di stare a co tatto con l'elicottero in movimento e capire anche quale flusso d'aria si muove intorno alla zona di atterraggio.Concluderei questi discorsi con un bel invito a voi tutti a partecipare al corso per vedere di persona cosa facciamo,prima di replicare senza fondamento.Grazie comunque per gli interventi, ciò fa capire quanta disorganizzazione c'è nel nostro bellissimo paese, a chi non è del settore.

  6. #15
    Corsi esterni alle aziende hanno senso e giustificano la spesa se rilasciano licenze. Quello del HCM attualmente è un ruolo, che richiede professionalitá, ma non è una professione.

    Mi rendo conto che riguardo ad alcuni ruoli coperti a bordo degli elicotteri HEMS/HSR siamo in mezzo al guado, così come per esempio quello dei Tecnici di Elisoccorso, ma la situazione è questa.

  7. #16
    Citazione Originariamente Scritto da Grasso_Malghese Visualizza Messaggio
    In Italia, stante la composizione dell'equipaggio di missione (medico, infermiere e, in certi casi, TE), i membri di equipaggio HEMS sono figure che si devono interfacciare col pilota prevalentemente per cooperare riguardo problemi di natura aeronautica. Questo implica che debbano conoscere bene il contenuto dei manuali operativi dell'operatore che lo impiega a bordo dei propri elicotteri.

    Per questo motivo, anche se un HCM (HEMS Crew Member) ha maturato altre esperienze, esso deve essere formato nell'ambito della compagnia che ha in affidamento il servizio HEMS. Da pilota ti posso assicurare che non accetterei a bordo uno, che sotto il profilo della formazione, è sconosciuto alla mia organizzazione.

    Io non so a quali compagnie tu ti riferisca, ma, per quanto riguarda la mia, ti posso assicurare che la formazione è fatta eccome e che nessuno sta sull'elicottero perché c'è lo hanno sbattuto. Aggiungo che per gli HCM dipendenti della compagnia (i tecnici HHO e/o HCM) sono impartiti anche i corsi di CRM/HF; corsi che si potrebbero fare anche per il personale sanitario di bordo delle committenti, che ne avrebbe taaaaaanto bisogno, se soltanto le committenti lo volessero.
    Di che ente formativo stiamo parlando?

    No perché io faccio elisoccorso sia privato che non e di enti certificativi italiani non ne sono a conoscenza eccetto l'ENAC
    ... Dum loquimur, fugerit invida aetas: carpe diem, quam minimum credula postero...

    Orazio, ODI

  8. #17
    Per fare l'HCM devi essere "certificato"/"addestrato" unicamente dalla ditta che ha in affidamento il servizio HEMS, non è necessaria una certificazione ENAC (o sbaglio?). Ma se hai una certificazione ENAC hai "una marcia in più", visto che sei la spalla del pilota. E visto che la Compagnia ci investe tanti soldi, usa il suo personale che fra l'altro è certificato ENAC e i quadranti dell'elicottero sa leggerli. E se la parte "assistenza all'infortunato" prevista nei compiti (secondari) dell'HCM aumentasse di importanza, si fa prima a far fare un corso in Croce Gialla a un HCM/Tecnico Motorista certificato ENAC, che a far prendere diverse e costose certificazioni ENAC a un Volontario.

    Ecco perchè la pionieristica esperienza operativa degli HCM volontari ad Ancona è terminata, e mi sono messo il cuore in pace.

    Che quelli a terra non si agitino e non creino casini quando arriva l'elicottero è importante, e per quello non c'è da essere certificati, c'è solo da farsi un po' di ...cultura aeronautica. Poi se al corso di AliD'Oro ti danno l'occasione di fare un voletto... oh a me piace volare, tanto per volare c'è sempre da pagare, oh, è un'occasione. C'è chi paga per fare i lanci col paracadute.... qua si parla di elisoccorso, e si ha l'occasione per fare un volo.

    ....Pixxius, te fai elisoccorso (e tante altre cose belle & avventurose), ma sarai mica anche certificato ENAC?!
    http://www.soccorritori.it/image.php?type=sigpic&userid=1479&dateline=1366727  989

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •