Giomedia.it
CivilProtect2018
emergency live
Formazione EMO
Bollanti

vuoi qua la tua pubblicità?
Pagina 315 di 323 PrimaPrima ... 215265305313314315316317 ... UltimaUltima
Risultati da 3.141 a 3.150 di 3229

Discussione: Ufficiale: il coordinamento del soccorso in ambienti impervi è a capo del CNVVF

  1. #3141

    OLTRE 3000 MESSAGGI
    L'avatar di montag140465
    Data Registrazione
    Jun 2003
    Località
    provincia Milano est ( ma Genova rimane nel cuore e nell'anima )
    Messaggi
    4.845
    Inserzioni Blog
    1
    Ok visualizzato. Cosa ci sarebbe di strano ?

  2. # ADS
    Spot
    Data Registrazione
    da sempre
    Località
    Italia
    Messaggi
    Molti
     

  3. #3142
    Citazione Originariamente Scritto da Rez Visualizza Messaggio
    Qualche mese fa ho visto i VVF tagliare gli alberi intorno all'infortunato per permettere al CNSAS di trasportarlo con meno impedimenti.
    Vedi tu..
    Mettendo da una parte per il momento il fatto che ci sono aspetti a monte dei singoli casi che devono ancora essere compresi bene da chi ne parla quotidianamente, pompieri in primis, in questo caso specifico cosa avrebbero dovuto fare di diverso secondo te?

    @montag: la polemica non finisce praticamente mai sui giornali. Semmai la trovi sui comunicati dei vostri sindacati o sui profili dei tuoi colleghi.

  4. #3143

    OLTRE 3000 MESSAGGI
    L'avatar di montag140465
    Data Registrazione
    Jun 2003
    Località
    provincia Milano est ( ma Genova rimane nel cuore e nell'anima )
    Messaggi
    4.845
    Inserzioni Blog
    1
    Citazione Originariamente Scritto da Stravecchio De Vecchionis Visualizza Messaggio

    @montag: la polemica non finisce praticamente mai sui giornali. Semmai la trovi sui comunicati dei vostri sindacati o sui profili dei tuoi colleghi.
    La polemica si trova anche su siti e pagine di enti morali , su blog o gruppi di discussione professionali , su riviste specializzate . Mi ci sono abituato . Ognuno ha le sue pecche e non sono poche . E quando dico ognuno intendo dire veramente TUTTI gli attori di questa polemica . Probabilmente se si impiegasse la stessa energia per risolvere i problemi casalinghi resterebbe più tempo per lavorare e meno per le chiacchiere da bar.

  5. #3144
    Come ti ho detto più volte in provincia di Lucca i VVF non vengono informati giustamente, hai voglia di dire protocolli della prefettura ecc. Ma ci sono altri accordi con soccorso alpino e 118 per interventi del genere..

  6. #3145
    Penso di capire quello che dici, ma il termine "giusto" forse non è appropriato. Perchè se sia giusto o meno sarà poi anche questione di punti di vista, ma, soprattutto dipende da cosa stabiliscono le norme.

    Per me, se l'attivazione di un soggetto è risolutiva, nel senso che tale soggetto dispone delgi strumenti, della capacità tecnica e organizzativa per risolvere una data situazione, ho poco senso attivare un'altra risorsa perchè ciò:
    - la sottrae al territorio
    - comporta un aggravio di costi
    - può generare confusione, se non conflitti.

    in altre parole è illogica, ma là, dove finisce la logica, ...lì comincia la burocrazia.

    Se la legge, i protocolli e quant'altro però prevedono una cosa illogica, ebbene, una decisione che è di buon senso, formalmente può non essere giusta e avere straschichi che se va bene sono soltanto di polemiche.

  7. #3146

    OLTRE 3000 MESSAGGI
    L'avatar di montag140465
    Data Registrazione
    Jun 2003
    Località
    provincia Milano est ( ma Genova rimane nel cuore e nell'anima )
    Messaggi
    4.845
    Inserzioni Blog
    1
    Citazione Originariamente Scritto da mad doctor Visualizza Messaggio
    Come ti ho detto più volte in provincia di Lucca i VVF non vengono informati giustamente, hai voglia di dire protocolli della prefettura ecc. Ma ci sono altri accordi con soccorso alpino e 118 per interventi del genere..
    Tranquillo , arriveremo anche su questo a mettere ordine . Nessuno nega al Cnsas ambiti e competenze : ma determinati episodi non possono essere più tollerati . Lo abbiamo fatto nell'nbcr , lo abbiamo fatto nell'usar , lo abbiamo fatto nell'aib . Lo faremo anche nella ricerca delle persone , che ti ricordo è oggi compito istituzionale del CNVF . leggiti attentamente il comma 2b e il comma 10 .

    Art. 24 - Interventi di soccorso pubblico (articoli 24(1
    , 25 e 30, legge 27 dicembre 1941, n.
    1570; articoli 1 e 2, legge 13 maggio 1961, n. 469; articolo 11, legge 24 febbraio 1992, n. 225;
    articoli 3, 7, comma 3, lettera a), legge 21 novembre 2000, n. 353; articolo 52, legge 28 dicembre
    2001, n. 44
    1. Il Corpo nazionale, al fine di salvaguardare l’incolumità delle persone e l’integrità dei beni,
    assicura, in relazione alla diversa intensità degli eventi, la direzione e il coordinamento degli
    interventi tecnici caratterizzati dal requisito dell’immediatezza della prestazione, per i quali siano
    richieste professionalità tecniche anche ad alto contenuto specialistico ed idonee risorse strumentali.
    Al medesimo fine effettua studi ed esami sperimentali e tecnici nello specifico settore,
    anche promuovendo e partecipando ad attività congiunte e coordinate con enti e organizzazioni
    anche internazionali.
    2. Sono compresi tra gli interventi di cui al comma 1:
    a) l’opera tecnica di soccorso in occasione di incendi, di incontrollati rilasci di energia, di improvviso
    o minacciante crollo strutturale, di incidenti ferroviari, stradali e aerei e, ferma
    restando l’attribuzione delle funzioni di coordinamento in materia di protezione civile, di
    frane, di piene, di terremoti, di alluvioni o di ogni altra pubblica calamità in caso di eventi di
    protezione civile, ove il Corpo nazionale opera quale componente fondamentale del Servizio
    nazionale della protezione civile ai sensi dell’articolo 11 della legge 24 febbraio 1992, n. 225;
    b) fatto salvo quanto previsto al comma 10, l’opera tecnica di ricerca, soccorso e salvataggio,
    anche con l’utilizzo di mezzi aerei.
    c) l’opera tecnica di contrasto dei rischi derivanti dall’impiego dell’energia nucleare e dall’uso
    di sostanze batteriologiche, chimiche e radiologiche, anche con l’impiego della rete nazionale
    di rilevamento della radioattività del territorio.
    3. Il Corpo nazionale assicura, altresì, il concorso alle operazioni di ricerca, soccorso e salvataggio
    in mare.
    4. Gli interventi tecnici di soccorso pubblico del Corpo nazionale, di cui ai commi 1 e 2, si limitano
    ai compiti di carattere strettamente urgente e cessano al venir meno della effettiva necessità.
    5. Su richiesta degli organi competenti, il personale e i mezzi del Corpo nazionale possono essere
    impiegati per interventi di soccorso pubblico ed attività esercitative in contesti internazionali.
    6. Resta fermo quanto disposto dall’articolo 11, comma 1, del decreto-legge 14 agosto 2013, n.
    93, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 ottobre 2013, n. 119.
    7. Il Corpo nazionale può collaborare alla redazione dei piani di emergenza comunali e di protezione
    civile su istanza degli enti locali e delle regioni, previa stipula, ai sensi dell’articolo 17 della
    legge 10 agosto 2000, n. 246, di apposite convenzioni che prevedano il rimborso delle spese
    sostenute dal Corpo nazionale per l’impiego delle risorse umane e l’utilizzo di quelle logistiche e
    strumentali necessarie.
    8. Il Corpo nazionale, nell’ambito delle proprie competenze istituzionali, in materia di difesa civile:
    a) fronteggia, anche in relazione alla situazione internazionale, mediante presidi sul territorio,
    i rischi non convenzionali derivanti da eventuali atti criminosi compiuti in danno di persone
    o beni, con l’uso di armi nucleari, batteriologiche, chimiche e radiologiche;
    b) concorre alla preparazione di unità antincendi per le Forze armate;
    c) concorre alla predisposizione dei piani nazionali e territoriali di difesa civile;
    d) provvede all’approntamento dei servizi relativi all’addestramento e all’impiego delle unità
    preposte alla protezione della popolazione civile, ivi compresa l’attività esercitativa, in caso
    di eventi bellici;
    e) partecipa, con propri rappresentanti, agli organi collegiali competenti in materia di difesa civile.
    9. Ferme restando le competenze delle regioni e delle province autonome e del Dipartimento
    18 Art. 24 Legge n. 1570/41: “Il servizio di estinzione incendi e dei soccorsi tecnici importa l'applicazione
    delle norme vigenti in materia e l'adozione dei provvedimenti all'uopo necessari ed è esercitato a giudizio
    e sotto la responsabilità del comandante dei reparti di soccorso. I comandanti delle Forze armate e di
    polizia, eventualmente intervenuti sul luogo del sinistro per mantenere l'ordine pubblico, debbono agire
    in conformità delle disposizioni di carattere tecnico impartite dallo stesso comandante.”
    della protezione civile della Presidenza del Consiglio dei ministri in materia di spegnimento degli
    incendi boschivi, di cui all’articolo 7, comma 3, della legge 21 novembre 2000, n. 353, le strutture
    centrali e periferiche del Corpo nazionale assicurano, al ricorrere delle condizioni di cui al comma
    1, gli interventi tecnici urgenti di propria competenza diretti alla salvaguardia dell’incolumità
    delle persone e dell’integrità dei beni e svolgono i compiti che la legge assegna allo Stato in
    materia di lotta attiva agli incendi boschivi. Sulla base di preventivi accordi di programma, il
    Corpo nazionale pone, inoltre, a disposizione delle regioni risorse, mezzi e personale per gli
    interventi di lotta attiva contro gli incendi boschivi. Gli accordi di programma sono conclusi tra il
    Corpo nazionale e le regioni che vi abbiano interesse e debbono prevedere, per ciascun territorio,
    le risorse, i mezzi ed il personale del Corpo nazionale da mettere a disposizione. I relativi oneri
    finanziari sono a carico delle regioni.
    10. Ferme restando le funzioni spettanti al Corpo nazionale del soccorso alpino e speleologico,
    nonché le competenze delle regioni e delle province autonome in materia di soccorso sanitario, il
    Corpo nazionale, in contesti di particolare difficoltà operativa e di pericolo per l’incolumità delle
    persone, può realizzare interventi di soccorso pubblico integrato con le regioni e le province autonome
    utilizzando la propria componente aerea. Gli accordi per disciplinare lo svolgimento di tale
    attività sono stipulati tra il Dipartimento e le regioni e le province autonome che vi abbiano interesse.
    I relativi oneri finanziari sono a carico delle regioni e delle province autonome.
    11. Agli aeromobili del Corpo nazionale impiegati negli interventi di soccorso pubblico integrato
    di cui al comma 10, si applicano le disposizioni di cui all’articolo 744, primo comma, e 748(19) del
    codice della navigazione, approvato con regio decreto 30 marzo 1942, n. 327.
    12. Fermo restando quanto disposto dal codice della navigazione e dalla disciplina dell’Unione
    europea, con decreto del Ministro dell’interno, di concerto con il Ministro della difesa e con il
    Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, da emanare, sentito l’Ente nazionale per l’aviazione
    civile (ENAC), sono disciplinate le modalità di utilizzo dello spazio aereo da parte degli aeromobili
    a pilotaggio remoto in dotazione al Corpo nazionale.
    13. Il Corpo nazionale dispone di idonee risorse strumentali, di reparti mobili attrezzati in modo
    specifico per il soccorso di cui al comma 1, della componente aerea, nautica, di sommozzatori e
    di esperti appartenenti ai Centri telecomunicazioni, nonché di reti di telecomunicazioni dedicate
    a copertura nazionale e di una rete per il rilevamento della radioattività e di ogni altra risorsa
    tecnologica ed organizzativa idonea all’assolvimento dei compiti di istituto.
    14. Le amministrazioni comunali provvedono, nell’ambito delle risorse disponibili nei relativi bilanci,
    alla installazione ed alla manutenzione degli idranti antincendio stradali.
    Ultima modifica di montag140465; 09-10-2018 alle 13:55

  8. #3147
    10. Ferme restando le funzioni spettanti al Corpo nazionale del soccorso alpino e speleologico,
    nonché le competenze delle regioni e delle province autonome in materia di soccorso sanitario, il
    Corpo nazionale, in contesti di particolare difficoltà operativa e di pericolo per l’incolumità delle
    persone, PUO' realizzare interventi di soccorso pubblico integrato con le regioni e le province autonome
    utilizzando la propria componente aerea. Gli accordi per disciplinare lo svolgimento di tale
    attività sono stipulati tra il Dipartimento e le regioni e le province autonome che vi abbiano interesse.
    quindi, ricapitolando:

    il CNVVF può (non deve) realizzare interventi di soccorso pubblico integrato e lo svolgimento di tale attività deve essere disciplinato da accordi fra il Corpo e gli enti che ne hanno interesse.

    Non mi pare che da questo discenda un obbligo a informare il CNVVF per un recupero in parete, mentre è obbligatorio in caso di persona scomparsa (che è altra cosa da persona dispersa)

  9. #3148
    Citazione Originariamente Scritto da montag140465 Visualizza Messaggio
    CUT
    Probabilmente se si impiegasse la stessa energia per risolvere i problemi casalinghi resterebbe più tempo per lavorare e meno per le chiacchiere da bar.
    ...più tempo per lavorare? allora non ne vale la pena

  10. #3149

    OLTRE 3000 MESSAGGI
    L'avatar di montag140465
    Data Registrazione
    Jun 2003
    Località
    provincia Milano est ( ma Genova rimane nel cuore e nell'anima )
    Messaggi
    4.845
    Inserzioni Blog
    1
    Il recupero in parete non è una ricerca dì persone. È un soccorso per cui il cnsas ha pieno titolo a intervenire . Mad parlava dì quegli accordi con la utg che regolano la ricerca delle persone .
    Ultima modifica di montag140465; 09-10-2018 alle 15:02

  11. #3150
    Secondo alcuni tuoi colleghi e comunicati sindacali i vvf dovrebbero e vogliono non solo essere informati ma anche parte attiva dei soccorsi screditando il soccorso alpino. Lo hai fatto anche te dicendo che il soccorso alpino ci mette troppo

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 2 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 2 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •