Giomedia.it
CivilProtect2018
emergency live
Formazione EMO
Bollanti

vuoi qua la tua pubblicità?
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 12

Discussione: Linee guida soccorso tecnico speciale

  1. #1

    Linee guida soccorso tecnico speciale

    Ok domanda un pò atipica e non vorrei chiedere qualcosa di banale o forse troppo complesso. Stavo pensando al soccorso tecnico speciale: quindi soccorso alpino, speleologico e fluviale, e mi sono chiesto da dove nascano le linee guida in merito a questa materia. Chi le redige e sulla base di quali studi? Ma soprattutto, c'è un ente mondiale o comunitario che riconosce queste normative? Come si comporta il nostro ordinamento in merito?
    We say goodbye, but never let go
    We live, we die, 'cuz you can't save every soul
    Gotta take every chance to, show that you're the kinda man who;
    Will never look back, never look down,
    And never let go

  2. # ADS
    Spot
    Data Registrazione
    da sempre
    Località
    Italia
    Messaggi
    Molti
     

  3. #2

    OLTRE 3000 MESSAGGI
    L'avatar di Giosuè
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Località
    Lago di Como
    Messaggi
    5.642
    Che io sappia il CNSAS ha una scuola nazionale, sia tecnica che sanitaria, che redige protocolli, istruzioni e "linee guida" che regolamentano l'operare dei suoi TESA, OSA, TE, medici, infermieri, ecc. durante gli interventi svolti da loro.

    Penso si basino su studi internazionali e italiani (ci son molte pubblicazioni CAI, ad esempio) che riguardano i campi in questione e li adattano alle figure, al territorio ed alle varie realtà italiani.

    Se non sbaglio nel 2015 (o 2014) sono usciti i nuovi manuali per la formazione del personale CNSAS.

    Non a caso i colleghi Svizzeri (che ho visto lavorare) presentano alcune differenze in molti aspetti..

    Tra una decina di giorni partecipo ad un corso in Abruzzo organizzato, insieme ad altri enti, dalla scuola nazionale medica del CNSAS e, se vuoi, chiedo, visto che alcuni istruttori ne fanno parte.
    Ultima modifica di Giosuè; 20-01-2016 alle 18:39

  4. #3
    Citazione Originariamente Scritto da Giosuè Visualizza Messaggio
    Che io sappia il CNSAS ha una scuola nazionale, sia tecnica che sanitaria, che redige protocolli, istruzioni e "linee guida" che regolamentano l'operare dei suoi TESA, OSA, TE, medici, infermieri, ecc. durante gli interventi svolti da loro.

    Penso si basino su studi internazionali e italiani (ci son molte pubblicazioni CAI, ad esempio) che riguardano i campi in questione e li adattano alle figure, al territorio ed alle varie realtà italiani.

    Se non sbaglio nel 2015 (o 2014) sono usciti i nuovi manuali per la formazione del personale CNSAS.

    Non a caso i colleghi Svizzeri (che ho visto lavorare) presentano alcune differenze in molti aspetti..

    Tra una decina di giorni partecipo ad un corso in Abruzzo organizzato, insieme ad altri enti, dalla scuola nazionale medica del CNSAS e, se vuoi, chiedo, visto che alcuni istruttori ne fanno parte.
    Se puoi Ecco la cosa che mi interessa è proprio questa: da dove scaturiscono le divergenze nei modus operandi? Esiste un sistema migliore in assoluto? Come comunicano tra loro le differenti associazioni?
    Questo lo ricollego spesso alle mie opinioni sul "corpo unico di soccorso" o quantomeno al fantomatico "corpo di protezione civile". Più che altro per vedere se tra le associazioni vi sia comunicazione fine ad un miglioramento.
    Forse è troppo chiedere che il sistema di soccorso negli States o Canada sia lo stesso, ma in Europa un ente comunitario esiste oppure vengono organizzati dei convegni?
    We say goodbye, but never let go
    We live, we die, 'cuz you can't save every soul
    Gotta take every chance to, show that you're the kinda man who;
    Will never look back, never look down,
    And never let go

  5. #4
    Concordo con Giosue, il CNSAS ha una scuola unica o meglio ogni corso in ogni regione si rifa a regolamenti e protocolli nazionali, infatti uno che e' nel soccorso alpino in emilia romagna e' riconosciuto in tutta Italia a differenza di chi FA soccorso nelle associazioni di volontariato in ambulanza o protezione civile. In europa ti posso dire che il CNSAS e' considerato di alto livello tecnico e infatti non a caso e' stato chiamato per soccorsi in grotta in altri paesi europei, il bagnino italiano figura riconosciutissima con il proprio brevetto puo lavorare in altri stati europei, infatti ero alla canarie qualche settimana FA e molti bagnini erano italiani sia in spiaggia che in albergo, stagione invernale li e d estate in Italia. Purtroppo per quanto riguarda il soccorso sanitario come detto moltissime volte l Italia e' molto indietro, non FA parte di tavolini di dialogo a livello europeo,

  6. #5

    OLTRE 3000 MESSAGGI
    L'avatar di Giosuè
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Località
    Lago di Como
    Messaggi
    5.642
    Citazione Originariamente Scritto da Lucadrago54 Visualizza Messaggio
    Se puoi Ecco la cosa che mi interessa è proprio questa: da dove scaturiscono le divergenze nei modus operandi? Esiste un sistema migliore in assoluto? Come comunicano tra loro le differenti associazioni?
    Questo lo ricollego spesso alle mie opinioni sul "corpo unico di soccorso" o quantomeno al fantomatico "corpo di protezione civile". Più che altro per vedere se tra le associazioni vi sia comunicazione fine ad un miglioramento.
    Forse è troppo chiedere che il sistema di soccorso negli States o Canada sia lo stesso, ma in Europa un ente comunitario esiste oppure vengono organizzati dei convegni?
    La PC (Protezione Civile..o, per come la vedo io, Porcata colossale) non c'entra nulla. O non dovrebbe c'entrale con il soccorso tecnico in ambiente, imho. E lì non so come funziona per le realtà italiane dove fanno soccorso tecnico pure loro, ma spero siano ben poche, se ci sono..

    In che senso "associazioni"? Il CNSAS è uno, con direttive e protocolli nazionali, un po' come i VVF (nessuna voglia di confronti qualitativi e polemiche..era per rendere l'idea).

    Concordo poi con Mad sul riconoscimento di CNSAS a livello internazionale, cosi come anche i VVF. Lasciam perdere il discorso sul riconoscimento internazionale del soccorso sanitario, che non c'entra e rischia di diventare un bagno di sangue..

  7. #6

    OLTRE 200 MESSAGGI
    L'avatar di Alessandro118
    Data Registrazione
    Jun 2014
    Località
    Pescara (PE) Abruzzo o,detto da noi,Abbruzzo
    Messaggi
    265
    Ho sentito nominare la mia regione invano caro il mio gattone??
    Allora verrai a trovarmi spero
    Soccorritore Volontario - Regione Abruzzo
    "Un giorno senza rischio è non vissuto"

  8. #7

  9. #8
    Ciao,
    per quanto riguarda il CNSAS la didattica è organizzata su scuole regionali e nazionali. Parlo di scuole in quanto di fatto esistono 3 settori , quello alpino quello speleo e quello forre, oltre a scuole specifiche dedicate ad esempio a sanitari, unità cinofile, speleosub ecc. ecc. .
    La competenza regionale o nazionale dipende dal livello di certificazione (fino ad un certo livello è gestito dal regionale oltre dal nazionale) ma a parità di certificazione il contenuto didattico è uguale in tutta Italia. Questo aspetto è fondamentale soprattutto a livello speleologico dove in caso di interventi complessi si agisce assieme a tecnici di altre regioni e diventa vitale poter usare le stesse tecniche e gli stessi materiali .
    Il contenuto di corsi e manuali nasce da decine di anni di esperienze sul campo, da test e analisi effettuate da un'apposita Commissione Tecnica e dall'interazione con altre commissione coinvolte negli interventi (es Commissione Medica).
    A livello extra-nazionale esistono organizzazioni internazionali che promuovono periodici convegni e frequenti scambi sia durante i corsi sia durante le esercitazioni.
    Mauro
    IX Delegazione Speleo - CNSAS
    Croce Bianca Milano - Sezione Brianza

  10. #9
    Citazione Originariamente Scritto da mauroi Visualizza Messaggio
    Ciao,
    per quanto riguarda il CNSAS la didattica è organizzata su scuole regionali e nazionali. Parlo di scuole in quanto di fatto esistono 3 settori , quello alpino quello speleo e quello forre, oltre a scuole specifiche dedicate ad esempio a sanitari, unità cinofile, speleosub ecc. ecc. .
    La competenza regionale o nazionale dipende dal livello di certificazione (fino ad un certo livello è gestito dal regionale oltre dal nazionale) ma a parità di certificazione il contenuto didattico è uguale in tutta Italia. Questo aspetto è fondamentale soprattutto a livello speleologico dove in caso di interventi complessi si agisce assieme a tecnici di altre regioni e diventa vitale poter usare le stesse tecniche e gli stessi materiali .
    Il contenuto di corsi e manuali nasce da decine di anni di esperienze sul campo, da test e analisi effettuate da un'apposita Commissione Tecnica e dall'interazione con altre commissione coinvolte negli interventi (es Commissione Medica).
    A livello extra-nazionale esistono organizzazioni internazionali che promuovono periodici convegni e frequenti scambi sia durante i corsi sia durante le esercitazioni.
    Mauro
    IX Delegazione Speleo - CNSAS
    Croce Bianca Milano - Sezione Brianza
    Ok, mi interesserebbe sapere una cosa. A questi convegni chi partecipa? Un presidente, suoi delegati o qualunque interessato? E da questi confronti poi si passa direttamente all'aggiornamento delle tecniche o sono cose lente e macchinose?
    Sarei interessato a leggere qualche pubblicazione del CNSAS, per ora ne ho trovate solo tre sul sito ufficiale, ne esistono altre per le scuole specifiche quali speleosub e cinofili? è per puro interesse personale...e se non chiedo troppo volevo sapere se esiste un indirizzo che raccolga tutte le pubblicazioni della rivista ufficiale del cnsas.
    Grazie mille per la risposta esaustiva e ringrazio tutti per la pazienza e l'impegno
    We say goodbye, but never let go
    We live, we die, 'cuz you can't save every soul
    Gotta take every chance to, show that you're the kinda man who;
    Will never look back, never look down,
    And never let go

  11. #10
    In ambito europeo esiste una commissione internazionale per il soccorso Alpino, CISA-IKAR, che ha sede in Svizzera e si occupa di diverse materie; ogni anno tiene un congresso al quale partecipano tutte le organizzazioni di soccorso alpino attive nella comunità.

    https://en.wikipedia.org/wiki/Intern..._Alpine_Rescue

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •