Giomedia.it
CivilProtect2018
emergency live
Formazione EMO
Bollanti

vuoi qua la tua pubblicità?
Pagina 1 di 10 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 99

Discussione: Vigili del Fuoco? Parliamone!

  1. #1

    Vigili del Fuoco? Parliamone!

    Viste i continui disguidi e discussioni sull'operato su queste figure, vorrei aprire questo thread per fare, una volta per tutte, una panoramica generale su cosa sia, effettivamente, un vigile del fuoco.

    Io parto con le prime domande:

    Quali sono le aree di competenza esclusiva e di competenza parziale del CNVFF?
    Quali sono le qualifiche e quanto si distinguono l'una dall'altra?
    La formazione sanitaria, identica al corso 120 ore, prevede dei retraining obbligatori?
    Quali sono le principali "possibilità di carriera" per un vigile del fuoco?

    Sia chiaro che, eventuali polemiche sterili, non saranno accettate per nessun motivo.
    Kansas sign: Asystole. Cuz it's flat, like Kansas

  2. # ADS
    Spot
    Data Registrazione
    da sempre
    Località
    Italia
    Messaggi
    Molti
     

  3. #2
    Aggiungo una domanda:
    Quali figure professionali (laureati) si trovano nell'organico del Corpo?

    Aggiungerei una seconda domanda:
    Quanto li amo?

  4. #3
    Io invece sono curioso riguardo la figura del SAF.
    Immagino che si diventi SAF per vocazione, ma dubito che tutti gli aspiranti ci arrivino a diventarlo.
    Logico quindi che vi sia una selezione, ma non ho idea dei requisiti che sono necessari. Sicuramente l'età: oltre una certa età non credo che il Corpo investa sui propri appartenenti. Probabilmente conta qualcosa l'avere già esperienza di certi campi sportivi/professionali di applicazione, es alpinismo, nuoto, sub, ecc. Suppongo che vi siano delle prove psicoattitudinali da affrontare.

    Poi ho una domanda di tipo storico-culturale: quando nasce il SAF? Presumo che l'acronimo sia utilizzato da un certo anno in poi, ma credo anche che la storia sia un po' più lunga. Qualcuno me la può raccontare?

  5. #4

    OLTRE 3000 MESSAGGI
    L'avatar di montag140465
    Data Registrazione
    Jun 2003
    Località
    provincia Milano est ( ma Genova rimane nel cuore e nell'anima )
    Messaggi
    4.798
    Inserzioni Blog
    1
    Datemi un po' di tempo e risponderò a tutti .

  6. #5

    OLTRE 3000 MESSAGGI
    L'avatar di montag140465
    Data Registrazione
    Jun 2003
    Località
    provincia Milano est ( ma Genova rimane nel cuore e nell'anima )
    Messaggi
    4.798
    Inserzioni Blog
    1
    Citazione Originariamente Scritto da JacoPio Visualizza Messaggio
    Aggiungo una domanda:
    Quali figure professionali (laureati) si trovano nell'organico del Corpo?

    Aggiungerei una seconda domanda:
    Quanto li amo?
    Rispondo a te perchè forse come risposta è la meno articolata . dal punto di vista operativo nel corpo le figure di vertice sono ovviamente occupate da competenze tecniche molto particolari . Ingegneri e architetti in via principale , ma anche qualche geologo , e medici per ciò che riguarda il servizio sanitario . Alcune figure particolari , di sostegno le chiamerei , sono anche gli avvocati presenti nelle direzioni regionali e i responsabili delle relazioni esterne che sono iscritti all'ordine dei giornalisti .

  7. #6

    OLTRE 3000 MESSAGGI
    L'avatar di montag140465
    Data Registrazione
    Jun 2003
    Località
    provincia Milano est ( ma Genova rimane nel cuore e nell'anima )
    Messaggi
    4.798
    Inserzioni Blog
    1
    Citazione Originariamente Scritto da Grasso_Malghese Visualizza Messaggio
    Io invece sono curioso riguardo la figura del SAF.
    Immagino che si diventi SAF per vocazione, ma dubito che tutti gli aspiranti ci arrivino a diventarlo.
    Logico quindi che vi sia una selezione, ma non ho idea dei requisiti che sono necessari. Sicuramente l'età: oltre una certa età non credo che il Corpo investa sui propri appartenenti. Probabilmente conta qualcosa l'avere già esperienza di certi campi sportivi/professionali di applicazione, es alpinismo, nuoto, sub, ecc. Suppongo che vi siano delle prove psicoattitudinali da affrontare.

    Poi ho una domanda di tipo storico-culturale: quando nasce il SAF? Presumo che l'acronimo sia utilizzato da un certo anno in poi, ma credo anche che la storia sia un po' più lunga. Qualcuno me la può raccontare?

    Il link che ti posto non è molto approfondito ma da già una spiegazione di massima sui nuclei saf . http://www.vigilfuoco.it/aspx/page.aspx?IdPage=1813
    Inoltre il saf nasce sostanzialmente nella metà degli anni 90 andando ad accomunare tutte quelle esperienze maturate dai vari comandi nei soccorsi in zone impervie . Proprio Liguria e Toscana rappresentano la nascita ufficiale della disciplina proprio per via delle necessità maturate nei propri territori . Ma poi anche Emilia Romagna , Piemonte , e a seguire tutte le altre regioni .

  8. #7

    OLTRE 3000 MESSAGGI
    L'avatar di montag140465
    Data Registrazione
    Jun 2003
    Località
    provincia Milano est ( ma Genova rimane nel cuore e nell'anima )
    Messaggi
    4.798
    Inserzioni Blog
    1
    Citazione Originariamente Scritto da Rez Visualizza Messaggio
    Viste i continui disguidi e discussioni sull'operato su queste figure, vorrei aprire questo thread per fare, una volta per tutte, una panoramica generale su cosa sia, effettivamente, un vigile del fuoco.

    Io parto con le prime domande:

    Quali sono le aree di competenza esclusiva e di competenza parziale del CNVFF?
    Quali sono le qualifiche e quanto si distinguono l'una dall'altra?
    La formazione sanitaria, identica al corso 120 ore, prevede dei retraining obbligatori?
    Quali sono le principali "possibilità di carriera" per un vigile del fuoco?

    Sia chiaro che, eventuali polemiche sterili, non saranno accettate per nessun motivo.

    Cerco di risponderti senza fare inutili giri di parole . L'area di competenza è quella del soccorso tecnico . Che cosa è il soccorso tecnico ?
    "Art. 24.
    Interventi di soccorso pubblico

    (articoli 24, 25 e 30, legge 27 dicembre 1941, n. 1570; articoli 1 e 2, legge 13 maggio 1961, n. 469; articolo 11, legge 24 febbraio 1992, n. 225; articoli 3, 7, comma 3, lettera a), legge 21 novembre 2000, n. 353; articolo 52, legge 28 dicembre 2001, n. 44

    1. Il Corpo nazionale, al fine di salvaguardare l'incolumità delle persone e l'integrità dei beni, assicura gli interventi tecnici caratterizzati dal requisito dell'immediatezza della prestazione, per i quali siano richieste professionalità tecniche anche ad alto contenuto specialistico ed idonee risorse strumentali, ed al medesimo fine effettua studi ed esami sperimentali e tecnici nello specifico settore.

    2. Sono compresi tra gli interventi tecnici di soccorso pubblico del Corpo nazionale:

    a) l'opera tecnica di soccorso in occasione di incendi, di incontrollati rilasci di energia, di improvviso o minacciante crollo strutturale, di frane, di piene, di alluvioni o di altra pubblica calamità;

    b) l'opera tecnica di contrasto dei rischi derivanti dall'impiego dell'energia nucleare e dall'uso di sostanze batteriologiche, chimiche e radiologiche.

    3. Gli interventi tecnici di soccorso pubblico del Corpo nazionale, di cui al comma 2, si limitano ai compiti di carattere strettamente urgente e cessano al venir meno della effettiva necessità.

    4. In caso di eventi di protezione civile, il Corpo nazionale opera quale componente fondamentale del Servizio nazionale della protezione civile ai sensi dell'articolo 11 della legge 24 febbraio 1992, n. 225, e assicura, nell'ambito delle proprie competenze tecniche di cui all'articolo 1, la direzione degli interventi tecnici di primo soccorso nel rispetto dei livelli di coordinamento previsti dalla vigente legislazione.

    5. Il Corpo nazionale, nell'ambito delle proprie competenze istituzionali, in materia di difesa civile:

    a) fronteggia, anche in relazione alla situazione internazionale, mediante presidi sul territorio, i rischi non convenzionali derivanti da eventuali atti criminosi compiuti in danno di persone o beni, con l'uso di armi nucleari, batteriologiche, chimiche e radiologiche;

    b) concorre alla preparazione di unità antincendi per le Forze armate;

    c) concorre alla predisposizione dei piani nazionali e territoriali di difesa civile;

    d) provvede all'approntamento dei servizi relativi all'addestramento e all'impiego delle unità preposte alla protezione della popolazione civile, ivi compresa l'attività esercitativa, in caso di eventi bellici;

    e) partecipa, con propri rappresentanti, agli organi collegiali competenti in materia di difesa civile.

    6. Ferme restando le competenze delle regioni, delle province autonome e del Dipartimento della protezione civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri in materia di spegnimento degli incendi boschivi, di cui all'articolo 7, comma 3, della legge 21 novembre 2000, n. 353, le strutture centrali e periferiche del Corpo nazionale assicurano, al ricorrere delle condizioni di cui al comma 1, gli interventi tecnici urgenti di propria competenza diretti alla salvaguardia dell'incolumità delle persone e dell'integrità dei beni. Sulla base di preventivi accordi di programma, il Corpo nazionale pone, inoltre, a disposizione delle regioni risorse, mezzi e personale per gli interventi di lotta attiva contro gli incendi boschivi. Gli accordi di programma sono conclusi tra il Corpo nazionale e le regioni che vi abbiano interesse e debbono prevedere, per ciascun territorio, le risorse, i mezzi ed il personale del Corpo nazionale da mettere a disposizione. I relativi oneri finanziari sono a carico delle regioni.

    7. Il Corpo nazionale dispone di idonee risorse strumentali, di reparti mobili attrezzati in modo specifico per il soccorso di cui al comma 1, della componente aerea, nautica, di sommozzatori e di esperti appartenenti ai Centri telecomunicazioni, nonche' di reti di telecomunicazioni dedicate a copertura nazionale e di una rete per il rilevamento della radioattività e di ogni altra risorsa tecnologica ed organizzativa idonea all'assolvimento dei compiti di istituto. "


    Aree di soccorso diciamo così , parziale ? Ad esempio il soccorso in mare , che viene coordinato dalla CP/GC che spesso richiede il nostro appoggio . Oppure gli incendi boschivi , che diventano di nostra competenza nel momento in cui si avvicinano a insediamenti o infrastrutture . vengono chiamati incendi di interfaccia e sono competenza del cnvf , a differenza dell'incendio boschivo puro , che è competenza della Regione .






    Le qualifiche sono quelle di vigile ( vigile , vigile qualificato , vigile esperto e vigile coordinatore) , capo squadra (capo squadra e capo squadra esperto) e di Capo Reparto (Capo Reparto e Capo Reparto Esperto) e poi seguono gli ufficiali che riconosci dal casco grigio .
    Il vigile è l'operatore cioè colui che materialmente svolge il soccorso dietro indicazioni del Capo Squadra (in sua assenza anche del Vigile Coordinatore) che riconosci dal casco rosso . Il capo reparto comanda più squadre , specifici settori e sovrintende alla direzione operativa di coordinamento degli interventi . Cioè la sala Operativa. I Vigili del Fuoco sono poi dei pubblici ufficiali , sono agenti di pubblica sicurezza e sono agenti di polizia giudiziaria . I capi squadra e i capi reparto sono invece Ufficiali di Polizia Giudiziaria .



    La formazione sanitaria TPSS prevede retraining obbligatori ogni diciotto mesi . I retraining sono , come da circolare . di sedici ore con valutazione finale . Il mantenimento del tpss è indispensabile anche per il mantenimento di abilitazioni come il saf.







    Le possibilità di carriera non sono molte . Ma se sei diplomato puoi diventare ufficiale per passaggio diretto (ATA) o per concorso (CTA)
    Ultima modifica di montag140465; 05-09-2016 alle 21:09

  9. #8
    Ti chiedo allora due cosette che non mi sono chiare (innanzitutto grazie per lo spiegone)

    d) provvede all'approntamento dei servizi relativi all'addestramento e all'impiego delle unità preposte alla protezione della popolazione civile, ivi compresa l'attività esercitativa, in caso di eventi bellici;
    Quindi, se per caso dovesse scoppiare una guerra, i VVF contribuirebbero all'addestramento dei civili per il soccorso a persona o per la gestione di piccoli incendi e cose così?

    E sul discorso UPG. Ma quindi un VVF può perquisirti o no? Se sospetta che tu sia un piromane o abbia trafugato qualcosa tra le macerie di un terremoto (per rimanere attuali), può bloccarti e perquisirti?
    Kansas sign: Asystole. Cuz it's flat, like Kansas

  10. #9

    OLTRE 3000 MESSAGGI
    L'avatar di montag140465
    Data Registrazione
    Jun 2003
    Località
    provincia Milano est ( ma Genova rimane nel cuore e nell'anima )
    Messaggi
    4.798
    Inserzioni Blog
    1
    Esatto . nell'ultimo conflitto mondiale il cnvf addestrava anche le forze civili di protezione antiaerea (UNPA) che intervenivano insieme a loro dopo i bombardamenti .
    Essesndo APG/UPG il vigile del fuoco può perquisirti e può addirittura disporre del tuo fermo o arresto in via teorica . Questo perchè il reato commesso è un reato che rientra tra quelli inerenti ai compiti istituzionali del CNVF cioè l'art 423 del CP .
    Viceversa se sorprende uno sciacallo che sta rubando in zone colpite da calamità non può operare in questo senso perchè quel reato non è un reato che rientra tra quei compiti di competenza . Su quello non ha quindi funzioni di pg e deve perciò richiedere l'intervento della polizia .
    Ultima modifica di montag140465; 06-09-2016 alle 07:18

  11. #10

    OLTRE 3000 MESSAGGI
    L'avatar di Giosuè
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Località
    Lago di Como
    Messaggi
    5.663
    Curiosità...avete con voi il materiale per eseguire l'arresto? Sia burocratico che "fisico"..

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •