Giomedia.it
CivilProtect2018
emergency live
Formazione EMO
Bollanti

vuoi qua la tua pubblicità?
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 20

Discussione: Opinioni su trasporto paziente in ossigenoterapia

  1. #1

    Opinioni su trasporto paziente in ossigenoterapia

    Ciao A Tutti,
    prima di tutto mi scuso se partecipo poco alle discussioni del forum,ma causa lavoro ho sempre poco tempo. Leggo però le Vs. interessanti discussioni.
    Avrei per favore bisogno di un'opinione da parte Vostra circa un trasporto 118 che ho fatto domenica mattina.
    La C.O. 118 ci allerta. Arriviamo sul target: paziente già visitata dall'ambulanza con infermiere a bordo per dolore lombare, trattato con toradol, paziente in ossigenoterapia 2/3 litri di ossigeno al minuto. Noi dobbiamo solo fare il trasporto in Dea per accertamenti.
    Carichiamo.
    Io mi posiziono accanto al paziente nel vano sanitario, mentre l'altro collega si accomoda davanti accanto all'autista.
    Durante il trasporto cerco di fare supporto psicologico, compilo la scheda 118 e metto al dito del paziente il saturimetro per tenere sotto controllo i parametri. Durante il trasporto somministriamo ossigeno a 2 l/m.
    All'arrivo in Dea il collega soccorritore che era davanti stacca il saturimetro e dice " tanto non serviva", essendo solo un trasporto.
    Secondo Voi ho agito male ad applicare il saturimetro per monitorare i parametri vitali?
    Ringraziando per le Vs. risposte , auguro a tutti Buon Servizio

  2. # ADS
    Spot
    Data Registrazione
    da sempre
    Messaggi
    Molti
     

  3. #2

    OLTRE 3000 MESSAGGI
    L'avatar di Giosuè
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Località
    Lago di Como
    Messaggi
    5.742
    Ogni volta che esegui una terapia (e l'ossigeno lo è) devi costantemente valutare le reazioni/feedback del paziente. Ancor di più se la terapia è stata iniziata da altri e, peggio del peggio, la possibile scelta di iniziarla va oltre le tue competenze. Per quel che concerne l'ossigenazione hai vari parametri che puoi utilizzare, tra cui il saturimetro. Che poi tu scelga di basarti sulla frequenza respiratoria o altro, oppure tenere fisso il saturimetro, è una scelta tua. Sicuramente il tuo collega, se motiva con "non serviva, tanto era solo un trasporto", ha torto a prescindere. Oltretutto, tu eri col paziente e lui davanti, già solo per questo non avrebbe dovuto metterci mano se non dopo tua richiesta di farlo...oppure, eventualmente, dirti il suo parere (motivandolo bene, non con quella cagata che ha detto).

    Inoltre, non conosco bene il Ketorolac, ma andando a leggere la scheda può dare effetti indesiderati a livello respiratorio ed anche cardiovascolare, cosa che un saturimetro può aiutare precocemente a riconoscere o a tener monitorati (già solo un rallentamento del "bip" può indurti più rapidamente a valutare il polso)....

    Ecco, direi che non va bene solo se hai messo il saturimetro "perché si fa sempre" o "perché tanto non fa male". In quel caso la motivazione è un po' "stupida"..ma se l'hai fatto in seguito ad una valutazione e ad un ragionamento hai fatto bene.

    Riassumendo, secondo me hai fatto bene se hai ritenuto fosse necessario. E il tuo collega è un idiota.

  4. #3
    Ciao Giosuè,
    Ti ringrazio per la Tua risposta.
    Io ho messo il saturimetro,non perchè si fa sempre ma appunto perchè il paziente aveva già avuto una somministrazione di toradol ed in più essendo in ossigenoterapia già presso il suo domicilio, ho ritenuto necessario monitorarlo.
    Grazie Giosuè

  5. #4
    Allora, come disse un medico proprio l'altro giorno non importa chi abbia visitato il paziente, la MSB ha il dovere di rivalutare perché vi possono essere stati errori, evoluzione o altre informazioni che Cambiano la situazione.
    Detto questo, se hai ritenuto di mettere il saturimetro era tua scelta e direi che poteva essere corretta.
    Anche perché "non fa male"...

    Sei in zona Asti città? Se si, mi mandi un messaggio privato? Praticamente abito lì e non mi dispiacerebbe prendere contatto con qualche associazione
    Soccorritore Volontario
    La stima che un ente riceve è pari alla peggiore immagine che riesce a trasmettere

  6. #5
    Nel momento in cui il paziente è affidato a te (MSB) è al 100% sotto la tua responsabilità ed è tuo compito attuare tutte le procedure previste e necessarie protocollate dalla tua CO di competenza. Il monitoraggio dei PV dovrebbe essere la norma in tutti i trasporti sanitari, indipendentemente che il paziente sia stato visitato prima da il medico di base o un sanitario di MSI/MSA. Se durante il trasporto il paziente fosse diventato dispnoico con SPO2 80% non è che mantenevi 2-3 lpm solo perchè 20 minuti prima gleli aveva "prescritti" il sanitario sul posto, no ?
    Quindi in poche parole hai fatto bene...

  7. #6
    Io trovo assurdo che L infermieRe non abbia trasportato in ospedale visto che ha fatto un antidolorifico e Messo L ossigeno. Non doveva affidarlo all MSB. Si hai fatto bene a mettere il saturimetro e il tuo collega scusami tanto e' un pirla..

  8. #7
    Citazione Originariamente Scritto da mad doctor Visualizza Messaggio
    Io trovo assurdo che L infermieRe non abbia trasportato in ospedale visto che ha fatto un antidolorifico e Messo L ossigeno. Non doveva affidarlo all MSB. Si hai fatto bene a mettere il saturimetro e il tuo collega scusami tanto e' un pirla..
    E perchè mai ? In un sistema di emergenza dove non c'è un sanitario su tutti i mezzi mi sembra più che normale. Si chiama ottimizzazione delle risorse. Anzi a me sembra abbastanza assurdo utilizzare ancora delle ambulanze e non le autovetture per i MSI/MSA (in contesti orografici non particolari). Non è menzionato il tempo di trasporto domicilio / ospedale, ma a Milano non avrebbero MAI inviato un MSI per un mal di schiena...

  9. #8

    OLTRE 3000 MESSAGGI
    L'avatar di Giosuè
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Località
    Lago di Como
    Messaggi
    5.742
    Citazione Originariamente Scritto da mad doctor Visualizza Messaggio
    Io trovo assurdo che L infermieRe non abbia trasportato in ospedale visto che ha fatto un antidolorifico e Messo L ossigeno. Non doveva affidarlo all MSB. Si hai fatto bene a mettere il saturimetro e il tuo collega scusami tanto e' un pirla..
    Sebbene io personalmente non farei mai un farmaco per poi lasciar gestire il paziente al soccorritore, dato che son responsabile di tale terapia e di tale paziente fino a quando lo consegno ad una persona che è competente a sufficienza per gestirlo, tale professionista sanitario avrà avuto i suoi motivi validi conseguenti ad una valutazione che ha fatto o alla situazione in cui si è trovato. Per cui dire "non doveva affidarlo all'MSB" trovo sia un po' presuntuoso e ben poco rispettoso della professionalità del collega intervenuto....

    In ogni caso non facciamo deviare la discussione sul solito "laici vs sanitari", mi raccomando..

  10. #9
    Citazione Originariamente Scritto da Peppino321123 Visualizza Messaggio
    E perchè mai ? In un sistema di emergenza dove non c'è un sanitario su tutti i mezzi mi sembra più che normale. Si chiama ottimizzazione delle risorse. Anzi a me sembra abbastanza assurdo utilizzare ancora delle ambulanze e non le autovetture per i MSI/MSA (in contesti orografici non particolari). Non è menzionato il tempo di trasporto domicilio / ospedale, ma a Milano non avrebbero MAI inviato un MSI per un mal di schiena...
    Perche' l infermiere in questo caso ha fatto una terapia farmacologica e dovrebbe seguire il paziente in ospedale in caso il paziente avesse una reazione alla terapia. Non si lascia un paziente a non sanitari quando si e' fatta terapia medica. Sulla terapia del dolore ho espresso la mia opinione in diversi post e trovo assurdo trasportareazienti con dolore senza terapia antidolorifica anche se il trasporto e' a pochi minuti dall ospedale

  11. #10
    Citazione Originariamente Scritto da mad doctor Visualizza Messaggio
    Perche' l infermiere in questo caso ha fatto una terapia farmacologica e dovrebbe seguire il paziente in ospedale in caso il paziente avesse una reazione alla terapia. Non si lascia un paziente a non sanitari quando si e' fatta terapia medica. Sulla terapia del dolore ho espresso la mia opinione in diversi post e trovo assurdo trasportareazienti con dolore senza terapia antidolorifica anche se il trasporto e' a pochi minuti dall ospedale
    Evidentemente l'infermiere ha valutato che il paziente poteva essere lasciato ad un MSB. Si parla di una decisione professionale specifica sulla quale non credo sia possibile dare giudizi in un forum. Qui parliamo di lombosciatalgia non di una frattura scomposta... da paziente che soffre dello stesso problema cronico io non chiamerei mai l'ambulanza nè tantomeno il supporto sanitario.. ma va là...

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •