Giomedia.it
CivilProtect2018
emergency live
Formazione EMO
Bollanti

vuoi qua la tua pubblicità?
Pagina 1 di 9 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 89

Discussione: Standard soccorso all estero

  1. #1

    Standard soccorso all estero

    Seguendo l invito di Giosue di iniziare una nuova discussione sugli standard di soccorso all estero dico a Peppino di vedere come mai a Londra succede cio. Allora l Italia e' l unica nazione come detto piu volte che ha volontari nel soccorso sanitario, mentre all estero il sistema sanitario e' gestito da professionisti e anche in zone del terzo mondo (Nigeria, Camerun, Nicaragua ecc). Si e' vero che ha Londra le statistiche non tornano anzi ci sono molti problemi ma se si analizzano i dati si vede anche dove ci sono i ritardi. I codici rossi in piu a Londra sono divisi in 2 categorie rosso 1 e rosso 2 e hanno tempi di intervento diversi. I rossi 1 (Arresti cardio/respiratori, attacchi epilettici e gravi difficolta' respiratorie, Incidenti stradali con persone intrappolate) hanno il 97% del tempo i soccorsi entro gli 8 minuti e questo perche' ci sono macchine e paramedici solo per questi tipi di chiamate. Per i rosso 2 i tempi si possono allungare un po (dolori toracici, difficolta' respitatorie ecc) mentre per i gialli si puo arrivare anche a 18 minuti. Ora si alcune volte si hanno ritardi ma la qualita del servizio e' ottima il paziente viene trattato e stabilizzato a casa e poi trasferitio nell ospedale piu idoneo e non al piu vicino. Francamente non mi e' mai capitato di essere rifiutato da un ospedale perche' e' pieno, gli ospedali ogni ora nei giorni critici valutano e in anticipo informare cosa possono ricevere e cosa no oppure sono troppo pieni e i pazienti vingono dirottati e questo si sa in largo anticipo. Il servizio costa? Se si vuole un buon servizio e con gente preparata allora bisogna mettere in considerazione il costo o se no si fa alla carlona risparmiando e mettendo mezzi scadenti e personale volontario a fare soccorso con risultati pessimi dove si carica ancora come un sacco di patate e pensando perche' c'e' il DAE sull ambulanza che tutto sia risolto. Mandare un MSB su arresto cardio respiratorio e' molto sbagliato e ancora di piu mandarla su dolori toracici e problemi respiratori.

  2. # ADS
    Spot
    Data Registrazione
    da sempre
    Messaggi
    Molti
     

  3. #2
    Citazione Originariamente Scritto da mad doctor Visualizza Messaggio
    Seguendo l invito di Giosue di iniziare una nuova discussione sugli standard di soccorso all estero dico a Peppino di vedere come mai a Londra succede cio. Allora l Italia e' l unica nazione come detto piu volte che ha volontari nel soccorso sanitario, mentre all estero il sistema sanitario e' gestito da professionisti e anche in zone del terzo mondo (Nigeria, Camerun, Nicaragua ecc). Si e' vero che ha Londra le statistiche non tornano anzi ci sono molti problemi ma se si analizzano i dati si vede anche dove ci sono i ritardi. I codici rossi in piu a Londra sono divisi in 2 categorie rosso 1 e rosso 2 e hanno tempi di intervento diversi. I rossi 1 (Arresti cardio/respiratori, attacchi epilettici e gravi difficolta' respiratorie, Incidenti stradali con persone intrappolate) hanno il 97% del tempo i soccorsi entro gli 8 minuti e questo perche' ci sono macchine e paramedici solo per questi tipi di chiamate. Per i rosso 2 i tempi si possono allungare un po (dolori toracici, difficolta' respitatorie ecc) mentre per i gialli si puo arrivare anche a 18 minuti. Ora si alcune volte si hanno ritardi ma la qualita del servizio e' ottima il paziente viene trattato e stabilizzato a casa e poi trasferitio nell ospedale piu idoneo e non al piu vicino. Francamente non mi e' mai capitato di essere rifiutato da un ospedale perche' e' pieno, gli ospedali ogni ora nei giorni critici valutano e in anticipo informare cosa possono ricevere e cosa no oppure sono troppo pieni e i pazienti vingono dirottati e questo si sa in largo anticipo. Il servizio costa? Se si vuole un buon servizio e con gente preparata allora bisogna mettere in considerazione il costo o se no si fa alla carlona risparmiando e mettendo mezzi scadenti e personale volontario a fare soccorso con risultati pessimi dove si carica ancora come un sacco di patate e pensando perche' c'e' il DAE sull ambulanza che tutto sia risolto. Mandare un MSB su arresto cardio respiratorio e' molto sbagliato e ancora di piu mandarla su dolori toracici e problemi respiratori.
    Uffa... sempre le stesse cose... L'Italia NON e' l'unico Paese con volontari nel soccorso. In questa pagina troverai le associazioni volontarie in Europa che fanno parte di Samaritan International: http://www.samaritan-international.e...ical-services/ senza contare tutti i Paesi dove il soccorso e' principalmente gestito dai VVF (volontari), tipico del continente americano e di alcuni Paesi in Europa (vedi Francia ad es). In merito ai Paesi che hai citato, cosi' per la cronaca leggiti quale eccelso livello di prehospital care viene fornito: http://www.jems.com/articles/print/v...n-nigeria.html (Nigeria) http://www.lfpress.com/2016/04/18/je...leon-nicaragua (Nicaragua, tra l'altro un articolo di una "tua collega"), in modo che le chiacchiere da forum si basino almeno su qualcosa. 18 minuti x una dispena ? ahahah... veramente un'ottima qualita' del servizio direi !! Complimenti!

  4. #3
    Se la dispensa rientra nei rossi 1 avrai una risposta entro 8 minuti, poi puoi anche arrivare in 18 minuti ma stai pur tranquillo che la persona riceve un trattamento sanitario ottimo invece che essere caricata e dato ossigeno e basta. Anche in uk ci sono associazioni di volontariato ma non possono fare soccorso sanitario tra cui la croce rossa. In America vuoi mettere lo standard dei volontari in USA? Dai fai il serio in USA sono tutti formati a uno standard molto alto e sono obbligati a continui retraining e in più sono tutti iscritti a un albo. Nicaragua ecc la formazione non sarà al massimo ma sempre meglio che un MSB italiana

  5. #4
    Quindi il problema sono i volontari o la formazione che viene data ai volontari?

  6. #5
    Visto che una discussione sui modelli di servizi sanitari è, per me, sempre molto stimolante, vi partecipo volentieri. E visto che sono un patito di statistiche ne ho spulciata qualcuna.

    Ho constatato (mad doctor correggimi se sbaglio) che a Londra di sicuro, ma credo in tutto il Regno Unito, le chiamate si distinguono in due categorie, A e C. A contiene le chiamate Red1 (arresto cardiaco/respiratorio) e Red2 (potenziale pericolo di vita che non rientra in Red1). C sono le chiamate di urgenza differibile divise in diversi livelli.

    Le statistiche che pubblica lo stesso London Ambulance Service riguardo alla categoria A(quindi anche ACR) parlano di una media che da inizio 2017 si aggira tra il 74% e il 69% delle chiamate in cui un mezzo è sul posto in 8 minuti. Percentuali che oscillano abbastanza in base alla zona: per Central London si arriva a più di 80%, in altre zone si scende sotto il 65%. Percentuali che sono di tutto rispetto. Se si guarda (dalle statistiche ufficiali del NHS) alle sole chiamate Red1, la media è del 74% per Londra.

    Guardando il sito di AREU (a cui riconosco almeno di aver provato a divulgare dei dati, visto che di altri dati simili per il 118 non ne ho trovati in nessuna altra regione, a differenza che per lo UK, che straripa di statistiche), si parla di una media di arrivo del primo mezzo nei codici rossi di 10 minuti circa, ma non ci sono percentuali. Se qualcuno avesse simili dati e potesse condividerli, sarebbe anche interessante per un confronto statistico.

    Una valutazione secondo me interessante da fare, oltre al mero indicatore numerico del tempo di intervento che ai fini della discussione è limitante, è anche quella del grado di integrazione tra extra e intra-ospedaliero in fatto di condivisione di informazioni e uniformità delle cure e come questo cambia nelle varie realtà nazionali/regionali.

  7. #6
    Citazione Originariamente Scritto da i-demf Visualizza Messaggio
    Quindi il problema sono i volontari o la formazione che viene data ai volontari?
    Molto e' la formazione che viene data ai volontari, se ne e' discusso moltissimo e 120 ore sono una assurdità. Per quanto riguarda quello che ha scritto peppino sui volontari all estero può essere vero, Samaritan , come croce rossa e altre associazioni di volontariato fa servizio in manifestazioni, concerti e partite di calcio ma sempre affiancati da personale sanitario, L attacco di Manchester ne e' una prova molti first responders erano paramedici che prestavano servizio come volontari per L associazione in più in questi casi dove c'è molta gente esiste una presenza fissa dell ambulance service. Statistiche Londra tra abitanti, pendolari e turisti a una media di circa 15 milioni e più al giorno, provate voi a gestire una cosa del genere e a dire la verità le statistiche potrebbero essere molto peggio. Vi ricordo inoltre che la prima CO cioè il 999 al mondo e' nata in UK poi altre nazioni hanno preso spunto, c'è chi ha migliorato e c'è chi e' peggiorato dipende da quanto si vuole investire. Da me L integrazione tra extra e intra e' eccezionale , c'è scambio reciproco di informazioni riguardo ai pazienti, sul tablet posso leggere tutta la documentazione del paziente,referti di TAC, ecografie ecc. e posso accedere ai dati del medico curante..

  8. #7
    In Regione Lombardia, nel 2015, il primo mezzo di soccorso è giunto sul luogo dell’evento:

    entro 10 minuti nel 50% dei soccorsi classificati come urgenti
    entro 14 minuti nel 75% dei soccorsi classificati come urgenti.

    Dati un po' vecchiotti ma comunque...
    Link:http://www.areu.lombardia.it/web/home/f.a.q.-118

  9. #8
    Citazione Originariamente Scritto da Esamu Visualizza Messaggio
    In Regione Lombardia, nel 2015, il primo mezzo di soccorso è giunto sul luogo dell’evento:

    entro 10 minuti nel 50% dei soccorsi classificati come urgenti
    entro 14 minuti nel 75% dei soccorsi classificati come urgenti.

    Dati un po' vecchiotti ma comunque...
    Link:http://www.areu.lombardia.it/web/home/f.a.q.-118
    Non mi sembrano dati eccezionali se paragonati a quelli di Londra e che Londra è come minimo 3 volte più grande di Milano..

  10. #9
    Citazione Originariamente Scritto da mad doctor Visualizza Messaggio
    Se la dispensa rientra nei rossi 1 avrai una risposta entro 8 minuti, poi puoi anche arrivare in 18 minuti ma stai pur tranquillo che la persona riceve un trattamento sanitario ottimo invece che essere caricata e dato ossigeno e basta. Anche in uk ci sono associazioni di volontariato ma non possono fare soccorso sanitario tra cui la croce rossa. In America vuoi mettere lo standard dei volontari in USA? Dai fai il serio in USA sono tutti formati a uno standard molto alto e sono obbligati a continui retraining e in più sono tutti iscritti a un albo. Nicaragua ecc la formazione non sarà al massimo ma sempre meglio che un MSB italiana
    Conosco molto bene la realtà US avendo amici EMT e EMT-P in diversi Stati. La formazione in numero di ore non è differente da quella Lombarda, anzi se vogliano da noi alcuni argomenti sono trattati in maniera più approfondita visto che a parità di ore totali lo scope of practice di un EMT-B è maggiore di un soccorritore italiano, quindi tutti gli argomenti da loro sono trattati in maniera molto più compressa. Ho fatto servizio li, non fanno nulla di fantascientifico o diverso. L'unica differenza fondamentale è solo e soltanto una: negli US non frega nulla se sei dipendente o volontario, se di giorno fai il panettiere o il radiologo. Se hai una licenza EMT sei semplicemente in servizio un "professionista dell'emergenza" con tutti i diritti e i doveri del caso. Non ci sono i pipponi mentali farmaci si / farmaci no, manovra invasiva si o no , sanitario / laico , etc etc . Se una tecnica è considerata utile, con rischio limitato ed alla portata di un soccorritore di base viene insegnata e basta. Il resto sono caxxate.

  11. #10
    Citazione Originariamente Scritto da mad doctor Visualizza Messaggio
    Non mi sembrano dati eccezionali se paragonati a quelli di Londra e che Londra è come minimo 3 volte più grande di Milano..
    Non sono dati di Milano, sono dati di tutta la Regione Lombardia... Dalle alpi alla pianura...

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •