Giomedia.it
CivilProtect2018
emergency live
Formazione EMO
Bollanti

vuoi qua la tua pubblicità?
Pagina 2 di 9 PrimaPrima 1234 ... UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 89

Discussione: Standard soccorso all estero

  1. #11
    Citazione Originariamente Scritto da Peppino321123 Visualizza Messaggio
    Conosco molto bene la realtà US avendo amici EMT e EMT-P in diversi Stati. La formazione in numero di ore non è differente da quella Lombarda, anzi se vogliano da noi alcuni argomenti sono trattati in maniera più approfondita visto che a parità di ore totali lo scope of practice di un EMT-B è maggiore di un soccorritore italiano, quindi tutti gli argomenti da loro sono trattati in maniera molto più compressa. Ho fatto servizio li, non fanno nulla di fantascientifico o diverso. L'unica differenza fondamentale è solo e soltanto una: negli US non frega nulla se sei dipendente o volontario, se di giorno fai il panettiere o il radiologo. Se hai una licenza EMT sei semplicemente in servizio un "professionista dell'emergenza" con tutti i diritti e i doveri del caso. Non ci sono i pipponi mentali farmaci si / farmaci no, manovra invasiva si o no , sanitario / laico , etc etc . Se una tecnica è considerata utile, con rischio limitato ed alla portata di un soccorritore di base viene insegnata e basta. Il resto sono caxxate.
    Tanto il fatto che per avere una licenza EMT devi fare un corso approvato e poi vieni inserito in un albo nazionale, L EMT Paramedic il corso e' una laurea di minimo 2 anni. Poi devi avere la fedina penale pulita sia per EMT che Paramedic cosa non da poco visto in Italia questo non viene preso in considerazione. In più si il paramedico USA ha molte più limitazioni del paramedico UK, polacco ecc. visto che lavora sotto licenza di un medico di PS e sotto stretti protocolli. La formazione di un EMT-B non e' tanto diversa da quella lombarda, ma di EMT-B ce ne sono più pochi e in più sono first responders e basta.

  2. # ADS
    Spot
    Data Registrazione
    da sempre
    Messaggi
    Molti
     

  3. #12
    Citazione Originariamente Scritto da mad doctor Visualizza Messaggio
    Tanto il fatto che per avere una licenza EMT devi fare un corso approvato e poi vieni inserito in un albo nazionale,
    Bene. Anche da noi ogni corso può essere erogato solo da enti autorizzati ed il singolo corso deve essere approvato.

    Citazione Originariamente Scritto da mad doctor Visualizza Messaggio
    L EMT Paramedic il corso e' una laurea di minimo 2 anni.
    Puoi ottenere la licenza andando all'università co corsi fino a 4 anni o facendo scuole private, che ti permettono di averla anche in 18 mesi. Ora gran parte del corso si può fare online.

    Citazione Originariamente Scritto da mad doctor Visualizza Messaggio
    Poi devi avere la fedina penale pulita sia per EMT che Paramedic cosa non da poco visto in Italia questo non viene preso in considerazione.
    E chi l'ha detto ? Molte PA richiedono il casellario guidiziale per l'iscrizione, però a mio avviso è una discriminazione. Il fatto che io sia stato perseguito penalmente per un reato del passato non significa necessariamente che non possa fare una certa attività.

    Citazione Originariamente Scritto da mad doctor Visualizza Messaggio
    In più si il paramedico USA ha molte più limitazioni del paramedico UK, polacco ecc. visto che lavora sotto licenza di un medico di PS e sotto stretti protocolli. La formazione di un EMT-B non e' tanto diversa da quella lombarda, ma di EMT-B ce ne sono più pochi e in più sono first responders e basta.
    Sui mezzi di soccorso in US la certificazione minima necessaria è l'EMT-B ; i first responders non fanno soccorso extraospedaliero. I corsi per EMR sono circa metà della durata dell'EMT-B e sono obbligatori per il personale che si trova sulla scena di soccorso (es: VVF) o in situazioni particolari (eg: guardia forestale, soccorso in spiaggia, etc). I paramedici rappresentano circa il 24% del personale totale. il 63% è EMT-B ed il resto EMT-I. Circa il 55% delle associazioni volontarie, società private o enti pubblici che partecipano al soccorso forniscono un servizio BLS. Circa il 10% ILS ed il 35% ALS (con 1 o 2 paramedici a bordo).

  4. #13

    OLTRE 3000 MESSAGGI
    L'avatar di Giosuè
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Località
    Lago di Como
    Messaggi
    5.664
    Ma davvero state a disquisire del sesso degli angeli, oltretutto prendendo come "modello" quello del paramedico USA (che, salvo in pochi casi, fa acqua da tutte le parti)?!?!?

    Sui tempi d'intervento possiamo discutere fin quando volete, ma bisogna vedere che tipo di mezzo è il primo che arriva in posto e di quanto sa fare e cosa può fare.

    P.S. Vedo spesso parlare di AREU accostandola a Milano... AREU lavora in tutta la Lombardia, non solo a Milano dove data la capillarità di ospedali e la qualità degli ospedali stessi rende spesso "secondari" certi trattamenti sanitari; in poche parole probabilmente tra il load&go che fa il soccorritore milanese che in 20-30 minuti dalla chiamata può assicurare al paziente di trovarsi sul letto della coronarografia e il trattamento con vari farmaci fatto dal miglior medico del mondo che però porta il paziente sul lettino dell'emodinamica in 1 ora perché l'ospedale è lontano, alla fine è più funzionale il primo, soprattutto ora con la possibilità di fare in 2 minuti un ECG12 e inviarlo al medico. Il problema è la mancanza di possibilità di verificare quanto, in accordo con le LG, possa far bene al paziente milanese essere soccorso da sanitari che, nei 20-30 minuti dalla chiamata, oltre al load&go assicurano anche trattamento avanzato.
    Senza poi contare la valutazione ed il trattamento del dolore, che è il primo motivo delle chiamate di soccorso e che, per ovvi motivi, da una MSB possono essere fatti solo in minima parte.
    Ultima modifica di Giosuè; 31-08-2017 alle 06:35

  5. #14
    Infatti non bisogna prendere come esempio il sistema USA perche' si fa acqua da tutte le parti. Riguardo ai tempi di intervento e il tipo di soccorso io sono del parere che i cittadini devono avere lo stesso tipo di trattamento sia chi sta in citta che in zone lontane, non ci possono essere cittadini di serie B che vengono soccorsi da MSB e cittadini di serie A che vengono soccorsi da sanitari. Il load and go non funziona ci sono fior di studi che lo dimostrano. Un infartuato a 10 minuti dall emodinamica deve avere il trattamento iniziale a casa prima di essere trasferito e questo include il trattamento del dolore. Si chiama in fin dei conti soccorso sanitario ma in molti casi di sanitario a poco o nulla. Peppino per chi fa soccorso deve essere pulito non si puo parlare di discriminazione, come soccorritore vai in abitazioni private e vedi chi ci abita. In ambulanza pur di avere volontari ci sono persone (alcune volte) non del tutto oneste.

  6. #15

    OLTRE 3000 MESSAGGI
    L'avatar di Giosuè
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Località
    Lago di Como
    Messaggi
    5.664
    Calma, non ho parlato di serie A o serie B. Anzi, l'esatto opposto. Ho semplicemente detto che AREU non è Milano solamente, ma che a Milano o in periferia/sulle montagne la configurazione degli equipaggi è la medesima, così come il trattamento. La differenza (e la fortuna di Milano e delle altre grandi città lombarde) sta nella disponibilità in pochissimi minuti di un ospedale che compensa quasi totalmente alle carenze formative e di skills del personale del preospedaliero. Nell'infartuato di cui parlavo i danni son minori nel momento in cui il DTB è di 10 minuti, rispetto a quello che ha avuto tutto il trattamento (antiaggregazione, anticoagulazione, antidolorifico ed ev. nitrati, oltre che ossigeno "QB") ma ha un DTB di 30-50', per cui l'infartuato milanese soccorso da MSB ha probabilmente più chance rispetto all'infartuato di Livigno che è soccorso da MSI, che riceve tutto il trattamento ma il "baloon" lo vede dopo un'ora per ovvi motivi di distanza. Ovvio che l'optimum è il soccorso sanitario a Milano dove il paziente in 10 minuti arriva sul lettino dell'emodinamista con già il trattamento iniziato...

  7. #16
    Uno spunto interessante di discussione potrebbe essere uno studio abbastanza recente (2013) condotto da Areu sull'ACC in ambiente extraospedaliero. Si intitola "Impatto dell'ACC in Lombardia". Fornisce comunque, anche se è uno studio relativamente ristretto, una serie di dati interessanti.

  8. #17

    OLTRE 3000 MESSAGGI
    L'avatar di Giosuè
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Località
    Lago di Como
    Messaggi
    5.664
    Purtroppo i risultati sono fino all'ospedalizzazione e non alla dimissione ad un anno..

  9. #18
    Citazione Originariamente Scritto da Giosuè Visualizza Messaggio
    Ma davvero state a disquisire del sesso degli angeli, oltretutto prendendo come "modello" quello del paramedico USA (che, salvo in pochi casi, fa acqua da tutte le parti)?!?!?
    Un forum web è per definizione un insieme di discussioni inerenti al sesso degli angeli. Non ti aspetterai mica di trovare qui disquisizioni sul bosone di higgs no ??

    Definisci cosa fa acqua da tutte le parti nel sistema US. Poichè a mio avviso mettere un infermiere su un MSI/MSA con una formazione minima di 6-7 anni tra università e ospedale e poi fargli chiamare la CO per ogni minima ca**ta che deve fare sul paziente è una cosa che parimente fa acqua da tutte le parti... D'altra parte ci sono pochissimi Paesi al mondo dove il "paramedico" lavora veramente in autonomia. Ergo se alla fine sono costretto a lavorare solo per protocolli allora preferisco (a parità di efficacia) un sistema più pragmatico.

    Citazione Originariamente Scritto da Giosuè Visualizza Messaggio
    P.S. Vedo spesso parlare di AREU accostandola a Milano... AREU lavora in tutta la Lombardia, non solo a Milano dove data la capillarità di ospedali e la qualità degli ospedali stessi rende spesso "secondari" certi trattamenti sanitari; in poche parole probabilmente tra il load&go che fa il soccorritore milanese che in 20-30 minuti dalla chiamata può assicurare al paziente di trovarsi sul letto della coronarografia e il trattamento con vari farmaci fatto dal miglior medico del mondo che però porta il paziente sul lettino dell'emodinamica in 1 ora perché l'ospedale è lontano, alla fine è più funzionale il primo, soprattutto ora con la possibilità di fare in 2 minuti un ECG12 e inviarlo al medico.
    Beh, alla fine per numero di casi Milano e le altre grandi città della Lombardia rappresentano la casistica principale sulla quale basare un giudizio "medio" del servizio. Basta comunque vedere la pianificazione AREU dei mezzi per provincia per constatare che in Regione non hanno certo le fette di salame sugli occhi ed i MSI/MSA sono maggiormente concentrati dove i tempi di ospedalizazzione sono maggiori. Milano non si discosta alla fine con altre realtà estere dove questi studi BLS vs ALS vengono fatti da anni.

  10. #19

    OLTRE 3000 MESSAGGI
    L'avatar di Giosuè
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Località
    Lago di Como
    Messaggi
    5.664
    Vabbbbene...

  11. #20
    Citazione Originariamente Scritto da Peppino321123 Visualizza Messaggio
    Un forum web è per definizione un insieme di discussioni inerenti al sesso degli angeli. Non ti aspetterai mica di trovare qui disquisizioni sul bosone di higgs no ??

    Definisci cosa fa acqua da tutte le parti nel sistema US. Poichè a mio avviso mettere un infermiere su un MSI/MSA con una formazione minima di 6-7 anni tra università e ospedale e poi fargli chiamare la CO per ogni minima ca**ta che deve fare sul paziente è una cosa che parimente fa acqua da tutte le parti... D'altra parte ci sono pochissimi Paesi al mondo dove il "paramedico" lavora veramente in autonomia. Ergo se alla fine sono costretto a lavorare solo per protocolli allora preferisco (a parità di efficacia) un sistema più pragmatico.



    Beh, alla fine per numero di casi Milano e le altre grandi città della Lombardia rappresentano la casistica principale sulla quale basare un giudizio "medio" del servizio. Basta comunque vedere la pianificazione AREU dei mezzi per provincia per constatare che in Regione non hanno certo le fette di salame sugli occhi ed i MSI/MSA sono maggiormente concentrati dove i tempi di ospedalizazzione sono maggiori. Milano non si discosta alla fine con altre realtà estere dove questi studi BLS vs ALS vengono fatti da anni.
    Non e' vero il paramedico lavora in autonomia in moltissimi paesi (UK, Polonia, Romania, Slovenia, Sud Africa, Australia, Nuova Zelanda, Norvegia, Svezia e la lista e' ancora lunga), il sistema USA invece se il paramedico esce dai protocolli non solo passa dei guai ma va nel pallone. Guarda il prossimo mese abbiamo alcuni paramedici e EMT americani a fare uno stage questo avviene molto spesso, due mesi fa avevamo paramedici australiani e anche loro non erano molto convinti di quelli USA. Quindi te mi dici che va bene avere MSB senza sanitari, senza farmaci, senza monitor ma avere un DAE che tutto sommato in ambulanza vale quanto il 2 di briscola. A quanto so un EMT-B e' sempre affiancato da un paramedico o da un EMT-I che può fare la differenza. Uno stato deve poter dare ai cittadini il miglior servizio possibile visto che vengono pagate fior di tasse.. Non si può dire che gli ospedali sono a 10 minuti quindi va bene un mezzo di soli laici e all ospedale ci sono fior di dottori che faranno la differenza. Il trattamento deve iniziare subito, che si tratti di analgesia, liquidi, shock anafilattico ecc. alcune volte 10 minuti sono troppi senza una terapia iniziale. Qui si gioca al presunto riasparmio sulla pelle dei cittadini.

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •