Giomedia.it
CivilProtect2018
emergency live
Formazione EMO
Bollanti

vuoi qua la tua pubblicità?
Pagina 4 di 4 PrimaPrima ... 234
Risultati da 31 a 36 di 36

Discussione: Secondo voi come si può migliorare la figura del soccorritore?

  1. #31
    Non mi riferisco a te ma agli infermieri in generale. Non ho mai detto che il problema italiano e’ la mancanza del paramedico ma la mancanza di una figura sanitaria nel soccorso pre ospedaliero, si può discutere su quale tipo di figura ma nulla toglie di mettere L infermiere sulle ambulanze anche se secondo me L infermiere nasce per tutt altro scopo. Bisogna smettere di pensare che il volontariato fa risparmiare, ho letto che al sud ci sono aziende private che fatturano milioni di euro grazie a trasporti sanitari compreso il 118, alla fine e’ la regione che sborsa i soldi per i trasporti sanitari indifferentemente che si faccia 118 o no..

  2. # ADS
    Spot
    Data Registrazione
    da sempre
    Messaggi
    Molti
     

  3. #32
    Basta leggere questo articolo per rendersi conto del business del privato e volontariato http://www.vita.it/it/article/2010/0...iegate/103221/ . E questo e poi si dice che i soldi non ci sono http://espresso.repubblica.it/attual...ssare-1.157508

  4. #33
    Ora scrivo qui perché L altro topic della porta e’ diverso. A Copenhagen si e’ appena concluso il congresso europeo sul soccorso pre ospedaliero EMS 2018 e come al solito L unica nazione non presente era L Italia, pure la Grecia era presente perché vuole migliorare il proprio servizio, io c’ero con una delegazione del servizio ambulanza scozzese, in più un gruppo di paramedici UK (scozzesi e inglesi) che non hanno mai lavorato insieme si sono aggiudicati il primo premio su scenari complessi battendo proprio la Svizzera in finale (questo faceva parte del congresso). https://aace.org.uk/news/emas-parame...in-copenhagen/
    Ultima modifica di mad doctor; 10-05-2018 alle 10:17

  5. #34
    Io mi sottraggo da quelli per cui vale l'equazione Volontariato = Cacca.
    Sono uno strenuo sostenitore del concetto Professionalità non è Professionismo, di cui ho fatto una massima di vita.

    Credo che a fronte di un gran numero di associazioni con formazione improvvisata, ottuagenari che guidano mezzi di soccorso, sedicenti "soccorritori" che non sanno neanche dove sia collocata una milza, vi sia una minoranza, delle sacche, di realtà altamente competitive.

    Si tratta di quelle realtà dove chi si occupa di formazione, oltre ad avere un background accademico e professionale di un certo tipo, STUDIA lo standard formativo regionale (che intanto deve esistere), insieme alla letteratura scientifica, insieme a testi internazionali.
    Dove viene fatta selezione all'ingresso sull'esaltazione, sulla quale vi deve essere tolleranza zero.
    Dove all'interno dei limiti dello standard si insegna e si pretende il massimo delle conoscenze teoriche e pratiche.

    In questo modo, si ottiene una figura in grado di essere professionale nella quasi totalità dei compiti che gli vengono assegnati, nei limiti delle proprie competenze.

    Perchè, bisogna ripeterlo, il problema è dare il massimo all'interno delle proprie competenze e fare ognuno il proprio compito. In questa ottica il sistema italiano non sarebbe molto dissimile da tanti altri nel mondo.
    "La medicina è solo per chi
    nella propria vita non potrebbe
    immaginare di fare altro"

    L. Grazette MD PhD

  6. #35
    Peccato che per fare ciò devi organizzare un corso di minimo 2000
    Ore, che non sarebbe male,ma perderesti un sacco di volontari. Il soccorso sanitario deve essere in mano ai sanitari. sembra che nel programma del nuovo governo c’è la riorganizzazione del sistema 118.

  7. #36
    Citazione Originariamente Scritto da mad doctor Visualizza Messaggio
    Peccato che per fare ciò devi organizzare un corso di minimo 2000
    Ore, che non sarebbe male,ma perderesti un sacco di volontari. Il soccorso sanitario deve essere in mano ai sanitari. sembra che nel programma del nuovo governo c’è la riorganizzazione del sistema 118.
    No, quest’anno abbiamo un corso di 8 persone. Noi formatori siamo in 2/3 per lezione pratica.
    Loro sono motivati, studiano e sanno quello che devono fare.

    Se si vuole, si fa.
    "La medicina è solo per chi
    nella propria vita non potrebbe
    immaginare di fare altro"

    L. Grazette MD PhD

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •