Giomedia.it
CivilProtect2018
emergency live
Formazione EMO
Bollanti

vuoi qua la tua pubblicità?
Pagina 8 di 8 PrimaPrima ... 678
Risultati da 71 a 73 di 73

Discussione: Che fine hanno fatto i saf?

  1. #71
    Citazione Originariamente Scritto da Lucadrago54 Visualizza Messaggio
    non è una questione di quanto sia frequente l'arresto cardiaco bensì come vada trattato precocemente, non aspetti il lettino manco per strada ma ti muovi su indicazione del centralinista... a monte di ciò (letteralmente) succede che se qualcuno incappa su una valanga dispone obbligatoriamente di kit pala, sonda e artva, il che significa "mi attivo con o senza gibonetto e patacca" perchè si risponde a delle linee guida diffuse analogamente all'rcp, lo scopo è sostanzialmente lo stesso.
    I traumi non son tutti spinali ma... sono traumi quindi può trattarsi di una banalissima contusione come di un trauma cranico, alla fine della fiera la faccenda molto spesso si risolve con l'evacuazione in elicottero, una risorsa assai pesante che non è mossa da volontari, o almeno non solo.
    qui bisogna distinguere tra autosoccorso (sia in montagna che in ambito urbano), che può essere prestato da chiunque si trovi sul posto in attesa dei soccorsi organizzati, e il soccorso in montagna fatto da soccorritori alpini che si trovano - anche casualmente - sul posto ed intervengono. Siccome i tecnici del soccorso alpino non timbrano, e quindi sono in servizio sempre e mai, in caso di bisogno sono attivati, o checchèsenedica si possono tranquillamente autoattivare (con tutte le coperture assicurative e pure le responsabilità del caso). Quindi automaticamente un semplice astante in questo caso si trasforma in soccorso organizzato. io preferisco avere con me il giubbottino o una patacca, o comunque credo che sia buona prassi identificarsi sia di nome che di ruolo, ma effettivamente come diceva stravecchio da come uno si muove e come uno si comporta si capisce subito, specie in un luogo selettivo come la montagna/impervio.
    per quanto riguarda la risorsa pesante non mossa solo da volontari... l'equipaggio dell'eli è pagato (tranne il te che riceve un rimborso spese), ma un intervento h-sar per metà si svolge con l'elicottero, l'altra metà si fa a terra, e lì le squadre (che spesso sono fondamentali per le operazioni del velivolo) sono di volontari. che poi i vigili del fuoco (che pure hanno una enorme componente volontaria) utilizzino il termine "volontario" in senso dispregiativo per squalificare il cnsas, è una storia vecchia come il cielo. la realtà è che professionalmente e dal punto di vista giuridico e di responsabilità i diritti/doveri sono gli stessi dei "professionisti", la sola differenza è il 27 del mese.
    "Quando uno si informa è molto più difficile prenderlo per il culo"

  2. # ADS
    Spot
    Data Registrazione
    da sempre
    Messaggi
    Molti
     

  3. #72
    https://www.ilfattoquotidiano.it/201...zione/4607895/


    articolo interessante. ora alcuni sindacati vvf parlano di inadeguatezza (perlomeno a livello di attrezzature e dotazioni ) e gare a chi arriva primo. gli stessi sindacati che fino a qualche mese fa, in quelle gare sventolavano la bandiera a scacchi e ad ogni intervento del soccorso alpino facevano partire la macchina del fango. invece che guardare ai VERI problemi dei loro iscritti combattevano battaglie contro il cnsas, colpevole di fare il ....cnsas.
    bravissimi!!!
    "Quando uno si informa è molto più difficile prenderlo per il culo"

  4. #73

    OLTRE 3000 MESSAGGI
    L'avatar di montag140465
    Data Registrazione
    Jun 2003
    Località
    provincia Milano est ( ma Genova rimane nel cuore e nell'anima )
    Messaggi
    4.843
    Inserzioni Blog
    1
    Citazione Originariamente Scritto da RedCross93 Visualizza Messaggio
    Io ho fatto per anni immersioni ricreative quindi un po’ ne capisco.
    Diciamo che prima di tutto non mi viene in mentre NESSUNO scenario dove i tempi di intervento siano in grado di salvare delle vite umane. Già solo perché a infilarsi la muta, preparare l’atteezzatura e immergersi richiede minuti. Figuriamoci dover partire dal capoluogo e arrivare in un posto, scendere, prepararsi, immergersi.

    Fantascienza.

    Quello che invece sono bravissimi a fare è il recupero salme / ricerca dispersi. Nella nostra zona li chiamano spesso per recuperare quelli che finiscono nel canale ENEL di San Raffaele Cimena (cercate su google).
    La loro capacità di basa prevalentemente sulla bravura mell’operare in acque particolari, come fiumi, acque reflue.
    Non certo per la capacità di raggiungere profondità importanti (intorno ai 50m ci vanno anche i sub normali, se hanno i brevetti, le capacità, il pelo, la tecnologia per farlo).

    Infatti la maggior parte delle operazioni svolte ad esempio sulla costa concordia sono state eseguite dai palombari della Marina Militare.

    Come stravecchio invito a lasciare perdere il capitolo Speleo, che fortunatamente é una cosa di competenza del CNSAS, e solo dj quelli che nella vita fanno solo speleo.
    Io con uno stipendio da vigile del fuoco mai e poi mai mi infilerei la muta per andare 800 metri sotto terra per poi infilarmi in un sifone di 60 metri largo 40 centimetri senza la possibilità di uscita verso l’alto. E infatti non lo fanno. Perché dovrebbero fare un’esercitazione a settimana.
    Tutto il resto è decisamente più semplice e nella maggior parte dei casi lontanissimo da quella che viene definita “immersione tecnica”.

    Per dirla fuori dai denti, ho conosciuto sub che di mestiere facevano i saldatori dei tralicci delle piattaforme off-shore. Vuol dire fare immersioni tecniche lunghissime, con miscele di gas fatte al momento, con tappe di decompressione di 30/40 minuti.
    Cercare la gente in fondo al canale di San Raffaele in confronto è come andare la domenica a Portofino.


    Mi dispiace proprio , ma sulla Costa Concordia le operazioni sono state svolte dal CNVF , come dalla MM e dalla GC : qualcun altro invece è stato rimandato a casa. Comunque il problema come avete sottolineato è che gli interventi ad alta profondità li fa la Marina Militare . Per questo a lungo è stato ritenuto eccessivamente dispendioso formare tutti i nuclei smzt anche per questo . Da oggi però qualcosa è cambiato . ne prendo atto anche io .

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •