Giomedia.it
REAS
Progetto Emergenza
emergency live
Formazione EMO
Bollanti

vuoi qua la tua pubblicità?
Pagina 239 di 243 PrimaPrima ... 139189229237238239240241 ... UltimaUltima
Risultati da 2.381 a 2.390 di 2421

Discussione: Ufficiale: il coordinamento del soccorso in ambienti impervi è a capo del CNVVF

  1. #2381

    OLTRE 3000 MESSAGGI
    L'avatar di montag140465
    Data Registrazione
    Jun 2003
    Località
    provincia Milano est ( ma Genova rimane nel cuore e nell'anima )
    Messaggi
    4.618
    Inserzioni Blog
    1
    Beh certo non speravo che tu potessi capire..... ed infatti non è successo. Non c'è peggior sordo.....di chi si arrampica sugli specchi.

    PS è straordinaria la conoscenza di procedure mezzi e uomini da parte di uno che vive e lavora a quasi duemila km di distanza.
    Ultima modifica di montag140465; 07-12-2017 alle 15:23

  2. # ADS
    Spot
    Data Registrazione
    da sempre
    Località
    Italia
    Messaggi
    Molti


     

  3. #2382
    Citazione Originariamente Scritto da montag140465 Visualizza Messaggio
    Beh certo non speravo che tu potessi capire..... ed infatti non è successo. Non c'è peggior sordo.....di chi si arrampica sugli specchi.

    PS è straordinaria la conoscenza di procedure mezzi e uomini da parte di uno che vive e lavora a quasi duemila km di distanza.
    Mi sa che hai sbagliato persona era soccorritore a scrivere l ultimo commento che tra L altro condivido in pieno e denota la tua ignoranza sul soccorso alpino. Stazione di Lucca in realtà e’ in garfagnana e non in città come credi.. Poi gli vorrei vedere i SAF a fare soccorso sul procinto e quanto ci mettono ad arrivare

  4. #2383
    L articolo che hai postato non dice nulla su soccorsi in zone impervie o montane. Parla di collaborazione tra VVFF e 118 che ci deve essere sempre ma per altri tipi di
    Intervento

  5. #2384

    OLTRE 3000 MESSAGGI
    L'avatar di montag140465
    Data Registrazione
    Jun 2003
    Località
    provincia Milano est ( ma Genova rimane nel cuore e nell'anima )
    Messaggi
    4.618
    Inserzioni Blog
    1
    Citazione Originariamente Scritto da mad doctor Visualizza Messaggio
    L articolo che hai postato non dice nulla su soccorsi in zone impervie o montane. Parla di collaborazione tra VVFF e 118 che ci deve essere sempre ma per altri tipi di
    Intervento

    Ancora una volta incapace di intendere.....

  6. #2385

    OLTRE 3000 MESSAGGI
    L'avatar di montag140465
    Data Registrazione
    Jun 2003
    Località
    provincia Milano est ( ma Genova rimane nel cuore e nell'anima )
    Messaggi
    4.618
    Inserzioni Blog
    1
    Citazione Originariamente Scritto da mad doctor Visualizza Messaggio
    Mi sa che hai sbagliato persona era soccorritore a scrivere l ultimo commento che tra L altro condivido in pieno e denota la tua ignoranza sul soccorso alpino. Stazione di Lucca in realtà e’ in garfagnana e non in città come credi.. Poi gli vorrei vedere i SAF a fare soccorso sul procinto e quanto ci mettono ad arrivare
    Ovvero l' impiegato di Banca che corre in montagna come terapia antistress....

  7. #2386
    Sicuramente L impiegato di banca saprà non correre ma muoversi in quell ambienti montani meglio di chi non gli conosce o pensa perché professionista del soccorso statale.. Montag parla dei volontari dei VVFF che e’ meglio.. I VVFF ottimi professionisti in zone urbane ma vi dovete mettere in testa che non siete competitivi nei confronti del soccorso alpino

  8. #2387

    OLTRE 3000 MESSAGGI
    L'avatar di montag140465
    Data Registrazione
    Jun 2003
    Località
    provincia Milano est ( ma Genova rimane nel cuore e nell'anima )
    Messaggi
    4.618
    Inserzioni Blog
    1
    In ambiente alpino e ipogeo nessuno ha nulla da dire . Altrove non esistete perché materialmente assenti dal territorio e privi di quel bagaglio di esperienza che invece il cnsas ha in quelle zone dove opera storicamente . Il cnsas deve farsene una ragione semmai . Non solo dal punto di vista normativo , ma anche come riferimento istituzionale .
    Ultima modifica di montag140465; 08-12-2017 alle 05:01

  9. #2388

    OLTRE 3000 MESSAGGI
    L'avatar di montag140465
    Data Registrazione
    Jun 2003
    Località
    provincia Milano est ( ma Genova rimane nel cuore e nell'anima )
    Messaggi
    4.618
    Inserzioni Blog
    1
    Citazione Originariamente Scritto da mad doctor Visualizza Messaggio
    L articolo che hai postato non dice nulla su soccorsi in zone impervie o montane. Parla di collaborazione tra VVFF e 118 che ci deve essere sempre ma per altri tipi di
    Intervento
    Infatti . Parla dei rapporti tra 118 e cnvf . Incluso anche le operazioni in zone impervie . Tutti i tasselli stanno andando al loro posto.

  10. #2389

    OLTRE 3000 MESSAGGI

    L'avatar di Giosuè
    Data Registrazione
    Sep 2010
    Località
    Lago di Como
    Messaggi
    5.466
    Citazione Originariamente Scritto da montag140465 Visualizza Messaggio
    In ambiente alpino e ipogeo nessuno ha nulla da dire . Altrove non esistete perché materialmente assenti dal territorio e privi di quel bagaglio di esperienza che invece il cnsas ha in quelle zone dove opera storicamente . Il cnsas deve farsene una ragione semmai . Non solo dal punto di vista normativo , ma anche come riferimento istituzionale .
    Leggendo certi commenti mi viene un po’ paura ripensando che per interventi nel lago da me qualche volta son arrivati saf e sommozzatori da Milano.. operano storicamente all’Idroscalo?

  11. #2390
    Citazione Originariamente Scritto da montag140465 Visualizza Messaggio
    1)Ma da dove arriva questa credenza popolare che vede i pompieri muoversi unicamente con autobotti ?
    2) un impiegato di banca è meglio di un impiegato dello stato ?
    3) posto che la formazione saf è divisa su più livelli , è meglio selezionare un alpinista per fare il soccorso in zone impervie (che non sono necessariamente alpine) , o è meglio selezionare un soccorritore esperto ?
    1) Quindi adesso due pompieri possono lasciare un distaccamento e stare fuori tre, quattro ore, di cui la metà passate a camminare in giro per sentieri? Dico da soli, non aggregati ad altri. Se questo corrisponde al vero è di certo una novità.

    2) se è il primo è un alpinista esperto e soccorritore formato a dovere su intervento in ambiente impervio/alpino/ipogeo è nettamente superiore allo statale che non lo è. Anzi, il primo in tanti contesti diventa indispensabile, visto che il secondo non riesce ad arrivarci (e quindi è inutile).

    3) i 4 livelli della formazione saf per la parte di "derivazione alpinistico/speleologica" sono:

    1a progressione individuale su sola corda -> fatta solo in esterno. Non fa di un pompiere un soccorritore in quei contesti specifici.

    saf 1b soccorso a persona bloccata su corda -> situazione del tutto virtuale. Non è mai stata eseguita da nessun pompiere in intervento reale in ambiente impervio/alpino/speleologico. È solo un esercizio fine a sè stesso copiato dai manuali del cai.

    saf 2a viene introdotta la parte di nuoto salvamento (nulla di alpinistico)

    saf 2b movimentazione con l'elicottero (nulla di alpinistico)

    Questo è il contenuto dei manuali saf.
    Visto dall'altro verso un soccorritore esperto (di qualsiasi cosa) che non sia anche alpinista o speleologo in questi contesti specifici non serve a una beata fava.

    Poi:
    Citazione Originariamente Scritto da montag140465 Visualizza Messaggio
    Altrove non esistete perché materialmente assenti dal territorio e privi di quel bagaglio di esperienza che invece il cnsas ha in quelle zone dove opera storicamente.
    Per la dislocazione è vero. Nella zona sud di Novara, attorno a Lodi o nelle campagne dalle parti di Rovigo, per esempio, il soccorso alpino non c'è. E neanche a Gallipoli. Difatti non c'è neanche l'ambiente impervio/alpino/ipogeo.

    Per l'esperienza no. Centro sud e isole fanno le stesse cose che al nord. Sono selezionati e formati alla stessa maniera e con le stesse verifiche periodiche. Ci sono solo meno richieste (beati loro). Il che non vuol dire che siano tutte situazioni più facili. Anzi, spesso è il contrario.

    Casomai in centro Italia qualche pompiere vorrebbe fare quello che fa il soccorso alpino, ma non essento, come visto sopra, nè selezionato, nè addestrato nè con l'esperienza necessaria risulta solo uno spreco di risorse.

    I pompieri "garantiscono l'intervento nell'immediatezza dell'evento laddove sono necessarie particolari competenze tecniche bla, bla, bla..."
    Dove? Su valanga no. In montagna no. In grotta no. In forra no.

    In pratica farebbero prima a garantire che in certi contesti non ci sono. Si risparmierebbero un sacco di brutte figure, e soprattutto false informazioni.

    Poi, sulla carta, in quanto impiegati, di sicuro sono bravissimi.

    In pratica però si attendono ancora riscontri.

    Arrivano o no?
    Ultima modifica di Stravecchio De Vecchionis; 08-12-2017 alle 08:32

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •